messina

Dalai Lama in città, si rischia l'incidente diplomatico

In tarda mattinata a Palazzo Zanca una delegazione dell'ambasciata cinese in Italia. Detto al primo cittadino che chi lo invita si assume responsabilità e il popolo cinese si comporterà di conseguenza con riflessi su turismo ed economia. GUARDA L'INTERVISTA


Una notizia che potrebbe scatenare un incidente diplomatico e tante polemiche.

Il capo ufficio politico dell'ambasciata cinese in Italia, Bj Jangshan,   nella tarda mattinata di oggi  si è recato a Palazzo Zanca. Argomento: la visita a Messina del Dalai lama annunciata nei giorni scorsi dal sindaco Renato Accorinti che, senza mistero, è un suo grande sostenitore, prova ne sia la scritta “Free Tibet” impressa . L'ambasciatore  ha ribadito che il Dalai Lama é solo un agitatore politico e un separatista ed è una delle tante autorità religiose del lamaismo. Al sindaco Accorinti ha detto che  chi lo invita si assume responsabilità e il popolo cinese si comporterà di conseguenza con riflessi su turismo ed economia.  A Messina sono migliaia i componenti della comunità cinese, la gran parte commercianti nei settori abbigliamento, elettronica e ristorazione con una ricaduta non indifferente nell'occupazione cittadina.

Insomma una grana non di poco conto che adesso Accorinti dovrà gestire anche se a caldo ha confermato la visita del Dalai lama in città per il prossimo maggio. Sentiamo l'autorevole esponente dell'ambasciata cinese in Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

De Luca, ecco le querele

De Luca, ecco le querele

di Maurizio Licordari

Via dei Mille, rubate 15 piantine

Via dei Mille, rubate 15 piantine

di Maurizio Licordari