Filadelfia

Klaus Davi e la sua troupe aggrediti nel Vibonese / video

"Klaus Davi ha deciso di suicidarsi?" si chiede Dagospia.it. L'interrogativo azzardato dal sito di Roberto D'Agostino si riferisce alla serie di aggressioni, verbali e fisiche, subite dal massmediologo e dalla sua troupe che sta realizzando per il web "Gli intoccabili", il primo docu-reality sulle mafie  girato nelle aree della Calabria in cui la 'ndrangheta ha radici profonde.

Questo video realizzato a Filadelfia (Vibo Valentia), ad esempio, testimonia la violenta e inquietante accoglienza riservata a Davi e ai suoi collaboratori durante  una delle esterne preparatorie  per la nuova puntata de "Gli intoccabili". 

Davi si era recato a Filadelfia con lo scopo di realizzare un servizio per la trasmissione che conduce sull'emittente televisiva LaCnews24 intervistando nella sua abitazione un presunto esponente della 'ndrangheta che sarebbe implicato nella scomparsa di un giovane. I familiari dell'uomo che Davi avrebbe voluto intervistare hanno costretto però il giornalista ad allontanarsi.

"L'aggressione subita oggi a Filadelfia dell'equipe giornalistica di Klaus Davi, che stava svolgendo il proprio lavoro di informazione disturbando evidentemente il boss della 'ndrangheta oggetto dell'inchiesta, apre un pesante interrogativo: è a rischio in questa zona della Calabria chiunque osi alzare il velo sulle attività mafiose?". Lo sostiene, in una dichiarazione, Mario Borghezio, parlamentare europeo ed esponente della Lega Nord.   "Mi vedrò costretto - aggiunge Borghezio - a rappresentare questa situazione, che pone oggettivamente questa parte del territorio nazionale fuori dallo spazio giuridico dell'Unione europea, nelle mie funzioni di parlamentare europeo con un'interrogazione urgente alla Commissione e al Consiglio europei".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi