Ospedale Cosenza

Scopelliti al DEA
problemi ed eccellenze

Il governatore ha visitato il nuovo dipartimento per l'emergenza. Migliorata la logistica, ma occorrono più medici e un maggiore filtro all'accesso al pronto soccorso potenziando il territorio.


E’ venuto a Cosenza, ufficialmente per inaugurare l’Unità di Rianimazione del DEA, il nuovo dipartimento per l’emergenza dell’Annunziata, di fatto per rendersi conto di come vanno le cose atteso che, a fronte dei nuovi locali, della migliore logistica, di una unità d’eccellenza quale la neuroradiologia interventistica, al pronto soccorso le criticità restano, dovute probabilmente alla carenza di personale rispetto all’afflusso notevole di persone che dalla provincia e da altre aree della regione si riversano qui. Il presidente Scopelliti durante la visita ha avuto modo di raccogliere lamentele, sollecitazioni dai cittadini. Ha chiesto e ottenuto dal direttore del Dipartimento, il dott. Francesco Crocco spiegazioni e informazioni sul funzionamento dell’emergenza. Indubbiamente,c’è ancora tanto da fare per far si che questo dipartimento possa rispondere alle reali emergenze, ai cosiddetti codici rossi, allo studio l’istituzione di un posto di guardia medica da gestire con l’ASP, ma soprattutto la possibilità di utilizzare il personale in esubero degli ospedali riconvertiti passaggio  sul quale il governatore ha chiamato  in causa i manager che devono trovare una intesa con i sindacati perché non è giusto che ci siano operatori sanitari fermi e altri sottoposti a turni massacranti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi