"The Canyons"

I "capricci" di Lindsay Lohan
"tutti nudi sul set"

Lindsay Lohan era come una bambina capricciosa durante le riprese di 'The Canyons', film di Paul Schrader scritto da Bret Easton Ellis che parla di cinque 25enni disposte a tutto per avere successo a Hollywood.

Lindsay Lohan era come una bambina capricciosa durante le riprese di 'The Canyons', film di Paul Schrader scritto da Bret Easton Ellis che parla di cinque 25enni disposte a tutto per avere successo a Hollywood. La controversa star 26enne interpreta Tara in un thriller erotico in preparazione e il suo partner sul set, James Deen - noto attore porno che ha girato oltre 4.000 pellicole hard - e' stato colto di sorpresa per il comportamento eccentrico dell'attrice sul set del suo primo film tradizionale. "C'erano giorni in cui lei sbraitava e piangeva e si rifiutava di uscire - ricorda il 26enne James Deen -. Nei porno sono abituato a lavorare con professionisti che sono tutti cortesi l'uno con gli altri. Mentre Lindsay era come un bambino capriccioso".

Di recente si e' scoperto che Linsday era cosi' ansiosa di far ripartire la sua carriera da accettare un compenso di appena 60 dollari al giorno per questo ruolo, che fa seguito a "giovinezza, glamour, sesso e sorveglianza". Comunque, al momento di spogliarsi per il bozzetto di una scena, sembra che l'attrice dai capelli dal colore di fiamma abbia dato in escandescenza e abbia iniziato a urlare. James Deen racconta al 'Sun on Sunday': "Noi eravamo tutti intorno, nudi, mentre Lindsay stava gridando, 'rimettevi i vestiti. Per l'amor dio, rimettetevi i vestiti'". "Cosi' ci siamo tutti rivestiti - aggiunge Deen -. Ma poi lei si e' seduta sul letto a seno nudo. Quando le ho chiesto il perche' di questo comportamento, mi ha risposto che 'era autorizzata'. Cosi' ho lasciato cadere il mio asciugamano e lei si e' precipitata fuori dal set".

Poi aggiunge: "Lindsay si e' quindi rifiutata di ritornare finche' l'intera troupe non si fosse spogliato". In un'altra occasione la Lohan si e' rifiutata di togliersi i tacchi alti, insistendo che poteva fare qualsiasi cosa volesse perche' lei era la "star" del film. James spiega che "era una semplice richiesta.

Io sono basso - aggiunge - ed era ridicolo stare accanto a lei che risultava piu' alta di me di 18 centimetri". Ennesimo capriccio e ulteriore prova di ostilita' verso i colleghi. "Si e' rifiutata - spiega il pornodivo - e sui e' messa a gridare e sbraitare che lei era la 'star' del film. Alla fine e' stato deciso che io avrei indossato stivali che mi facessero sembrare piu' alto e lei finalmente si e' calmata". Benche' Lindsay abbia causato scompiglio sul set, James ha parole di compassione per la collega e non manca di notare quanto l'industria dello spettacolo l'abbia resa "fragile". "Lei e' un prodotto del sistema di Hollywood - conclude -. Lei e' cosi' fragile e nessuno puo' aiutarla".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

i più letti di oggi