Cetto La Qualunque

Albanese lancia
le "vere" primarie

L'attore, per lanciare il nuovo film - in sala dal 13 dicembre - Tutto tutto niente niente diretto da Giulio Manfredonia, lancerà dal 3 novembre, da Lucca Comics, quelle che chiama le 'vere' primarie.

Nell'arena elettorale entra a gamba tesa Antonio Albanese e c'é da sbellicarsi. L'attore, per lanciare il nuovo film - in sala dal 13 dicembre - Tutto tutto niente niente diretto da Giulio Manfredonia, lancerà dal 3 novembre, da Lucca Comics, quelle che chiama le 'vere' primarie. "Contrariamente a banali imitazioni messe in piedi da altre forze politiche - dice - basterà un semplice click. Potranno votare tutti: italiani residenti, italiani non residenti, stranieri regolari e irregolari". Dopo quelle del Pd, quelle annunciate di Pdl e Lega, Albanese pesca tra i personaggi del film e lancia tre candidati che saranno tutti sullo stesso bus elettorale (a due piani, fumatori e non fumatori) che debutta a Lucca e poi gireranno la Penisola. Sarà il primo voto politico elettronico in Italia: si potrà esprimere la preferenza sul sito www.levereprimarie.it attivo dal 3 novembre, le votazioni chiuderanno alla mezzanotte del 21 novembre. Il 22 l'Italia, annuncia trionfale, avrà il suo candidato premier.

Si potrà scegliere tra Cetto Laqualunque (già protagonista del precedente Qualunquemente), Rodolfo Favaretto e Frengo e più lontani non potrebbero essere.

Giacca nera incrostata d'oro, capelli lunghi lisci, Cetto ha un manifesto degno del suo cognome: dice che il programma elettorale non l'ha mai fatto perché non serve e quindamente non la fa nemmeno stavolta, ma vista l'insistenza "'cu 'stu cazzu di programma un punto lo metto, poi però non dite che non ve lo avevo detto: depenalizzazione dei reati, tutti i reati. Più un punto in omaggio a chi si fosse messo all'ascolto solo ora". Lo slogan? Raffinato quanto lui: "'Nto culu!''. Non meno qualunquista è Frengo cui interessa soprattutto una cosa: "liberalizzazione e conseguente trionfo di tutte le sostanze leggere e di quelle di media corporatura, dal cioccolato fondente al kerosene".

Fumo libero anche in sala operatoria, messa in latino ma sottotitolata a karaoke, riforme e concili della chiesa cattolica a cadenza bisettimanale, beatificazione in vita (anche perché da morto ve la godete di meno) sono altrettanti punti del programma. Infine il terzo candidato, vagamente leghista: è Olfo e vuole abolire tutto, province, regioni, Italia intera, vuole Vienna caput mundi e 'un morsegon' come saluto ufficiale negli incontri tra capi di stato. Vuole incentivi, sgravi fiscali e salva di benvenuto alle imprese che costruiscono bretelle stradali nei comuni di Brachetto di sopra e di sotto, persino agevolazioni fiscali per gli eserciti secessionisti. Prodotto da Fandango e Rai Cinema, distribuito da 01, Tutto tutto niente niente, in sala dal 13 dicembre, vede nel cast anche Fabrizio Bentivoglio, Lorenza Indovina, Lunetta Savino, Nicola Rignanese, Davide Giordano e anche Paolo Villaggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto