MESSINA

La preside "L'ho fatto per Ilaria"

Soddisfatta e al tempo stesso amareggiata la dirigente scolastica del " La Farina ", Pucci Prestipino, dopo lo sgombero dell’istituto. In questa intervista ci ha svelato un retroscena molto toccante che l'ha indotta a prendere la decisione di fare intervenire la Digos.


Commenti all'articolo

  • paolaagostini

    02 Dicembre 2015 - 02:02

    E sulla questione idrogeologica.Non dubito che la DS voglia bene ai suoi studenti ma dovrebbe considerare che solo perché a lei non interessano questioni sociali e politiche, non è detto che non debbano interessare nemmeno gli studenti.Ho avuto modo di conoscere i membri del collettivoStudentesco sempre in lotta,e sono certa che hanno curato i momenti di formazione come si conviene, in quanto preparatissimi e serissimi. Si ricordino la DS e quel ciarlatano che parla di studenti che bevono e fumano durante le occupazioni, che i loro diritti di lavoratori di cui ancora per poco godremo, li dobbiamo anche al supporto che glistudenti hanno dato alle lotte dei lavoratori ,supporto discusso e organizzato durante le occupazioni studentesche.Ricordi poi la DS Che la memoria è un ingranaggio collettivo e la reazione ha sempre dichiarato agire per il bene delle propria vittime.diceva Gramsci, che ne sapevadi formaz. un po' più della sign.Prestipino,ai giovani:formatevi organizzatevi,Agitatevi

    Rispondi

  • paolaagostini

    02 Dicembre 2015 - 01:01

    da insegnante rispondo alla collega.per quanto ricordo della scuola le occupazioni non sono mai state una vacanza, ma momenti di formazione su problemi sociali riconducibili a scelte politiche che e' utile analizzare. Piu' utile che studiare tanta parte dei programmi scolastici degli istituti superiori sistematicamente non significativi per la formazione della persona.Nella scuola italiana si dice che la politica non deve entrare, come se le scienze politiche non fossero una disciplina accademica e fosse Superfluo Conoscerne i metodi tanto quanto per le altre Discipline. visto che la responsabilità penale del dirigente scolastico e relazione al benessere per la sicurezza degli studenti non certo l'agibilità dei locali l'unico suo dovere sarebbe stato garantire una supervisione e magari se davvero avesse a cuore la formazione attivarsi per proporre attività di formazione in relazione alle problematiche studentesche o dei messinesi tutti, a partire dalla questione Idrica

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi