lega pro

Messina-Catanzaro
senza pubblico, purtroppo

Il Messina impegnato domani sera, alle 20.30, a Catanzaro, gara che si giocherà senza pubblico per disposizione del Prefetto della città calabrese. Problemi di formazione per il tecnico peloritano che deve rinunciare agli infortunati Gustavo, Tavares, Baccolo, Palumbo e Bramati.


Il Messina, ancora in emergenza, cerca continuità di risultati contro un avversario che con il cambio in panchina sembra avere un altro passo.
La cura Erra, dopo la sconfitta all’esordio col Matera, ha già avuto i primi effetti benefici come testimoniano le due vittorie consecutive con Lecce e Lupa Castelli Romani. Mercoledì scorso l’appendice di Coppa Italia ad Agrigento con un’eliminazione che non ha lasciato troppi rimpianti dal momento che l’obiettivo dichiarato del Catanzaro è quello di risalire, al più presto, la classifica. Il cammino del Messina è, invece, minato dagli infortuni. Era già noto che Gustavo e Tavares non potessero recuperare per la sfida del “Ceravolo”. A sorpresa, ma non troppo, le annunciate indisponibilità di Baccolo, Palumbo e Bramati. Queste defezioni tolgono risorse e, contestualmente, riducono le scelte dell’allenatore che, quindi, ancora una volta, dovrà rimescolare le carte. Pronti in rampa di lancio Frabotta o Barilaro in difesa e Zanini in mezzo al campo, con Fornito a cui verrebbe affidata la regia. In attacco dovrebbe essere confermato il trio anti-Catania, Padulano, Cocuzza e Barraco con quest’ultimo nelle vesti di ex. Nel gruppo anche il neo acquisto Leonetti che potrebbe essere impiegato a gara iniziata. Una sfida tra quella di campionato che torna a distanza di pochi mesi e che spesso si è conclusa in parità. Si giocherà a porte chiuse, un provvedimento che è figlio, innanzitutto, di una scelta d’orario sbagliata da parte della Legapro. Che la gara fosse ad alto rischio lo sapevano un po’ tutti ma a Firenze hanno, evidentemente, altro a cui pensare oppure sono distratti. Stupisce, invece, che non sia stata trovata una soluzione alternativa, meno drastica rispetto a quella adottata. E a perdere, ancora una volta, non sono solo gli appassionati ma tutto il movimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto