ALI' TERME

Chiesta messa in
sicurezza del costone

Illustrato stamattina a palazzo Zanca dal Comitato No Frane, dal Partito Comunista dei Lavoratori, dalla Confederazione unitaria di base e dal movimento "Aiutiamoci Noi" i contenuti di un esposto alla Procura della Repubblica in cui si chiede di far luce sulla mancata messa in sicurezza del costone di Capo Alì.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi