Serie D

Messina all'esame della capolista

Giallorossi impegnati domani a Troina contro la prima della classe, a caccia di un successo per rimanere agganciati al treno play-off. Il tecnico Modica recupera Lavrendi a centrocampo e porta Migliorini in panchina.

Il Messina sceglie Giacomo Modica

Troina e Messina sono attualmente separate da ben 17 punti, un divario enorme, ma nelle ultime 15 giornate hanno totalizzato lo stesso bottino: 31 punti. Un dato che la dice lunga sul lavoro svolto dal tecnico Giacomo Modica che ha raddrizzato la stagione dei giallorossi, anche se non abbastanza per puntare alle posizioni di vertice della classifica.

I peloritani per continuare a cullare il sogno play-off hanno la necessità di piazzare un colpo da tre punti in trasferta per accorciare dall'Ercolanese impegnata sul difficile campo di Acireale. Il problema è che anche gli ennesi puntano all'intera posta per allontare le inseguitrici che minacciano il primato. Vibonese, Nocerina e Igea Virtus hanno le carte in regola per avvicinarsi alla matricola terribile che nella prima parte del torneo aveva raggiunto un vantaggio di nove lunghezze sulla seconda, adesso assottigliato a uno soltanto quando restano da giocare dieci partite.

Il Messina si presenta all'appuntamento con la capolista in formazione quasi tipo. Non c'è lo squalificato Inzoudine che rientrerà solo il 18 marzo col Palazzolo, ma in compenso c'è il recupero in mezzo al campo di Lavrendi, la cui assenza si è fatta sentire nel match casalingo con il Roccella. Il centrocampista reggino garantirà qualità ed esperienza, guidando gli altri due under che compongono il reparto.

In ottica futura, invece, preoccupano i numerosi diffidati in squadra, soprattutto quelli della difesa: Manetta, Bruno, Cassaro e il portiere Meo. Un eventuale cartellino giallo gli impedirebbe la partecipazione alla prossima trasferta di Vibo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi