CALCIO

Thiago Silva
prende le distanze

" Non sono stato io a voler lasciare il Milan". Con questa dichiarazione, il difensore ha fatto capire di essere stato "costretto" ad accettare il trasferimento al PSG

Thiago Silva
prende le distanze

"E' la mia prima conferenza stampa come atleta del PSG. Sono felice di questo trasferimento, ma triste per il mio addio al Milan. Lì ho vissuto emozioni molto forti: è un club che si dedica ai giocatori e al gruppo Io gli devo tutto". Nel ritiro della nazionale olimpica di calcio del Brasile è il giorno di un emozionato Thiago Silva, che tiene a far sapere di volersi "scusare con i tifosi del Milan". "Il mio trasferimento a Parigi, al 100%, non è stata una decisione mia - dice ancora il difensore -, visto che io con il Milan avevo perfino rinnovato il contratto. C'é chi ha detto che sono un mercenario, ma non me ne sto andando per guadagnare più di quanto prendevo al Milan. Voglio chiarire che non è stata colpa mia e chiedere scusa ai tifosi del Milan. Adesso spero di fare la storia nel Paris St. Germain". Thiago Silva, al quale sono state rivolte molte domande su questo argomento, ha fatto capire che questo trasferimento gli é stato praticamente imposto, perché lui sarebbe rimasto volentieri a Milanello. "Le persone che sanno di calcio capiscono com'é andata - ha detto - e la situazione per me è stata complicata. La volontà mia e dei miei familiari era di non lasciare il Milan". "Poi mi hanno chiamato Leonardo ed Ancelotti - ha aggiunto -, e devo dire che per Leonardo ho grande affetto e stima. Ciò che mi ha spinto a cambiare club è stato il loro progetto. Come ha detto Ibrahimovic, stanno allestendo una squadra da sogno".(ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi