Calcio

Presunta combine con l'Avellino, assolto il Catanzaro

Ai calabresi inflitto in compenso un punto di penalizzazione per il mancato pagamento degli stipendi di maggio entro il termine del 26 giugno.

Catanzaro Calcio, ufficiale la cessione alla Noto Holding

Il Catanzaro calcio è stato assolto dall’accusa di illecito sportivo legata alla presunta combine nel match con l'Avellino. La formazione calabrese rischiava la retrocessione. 

L’accusa riguardava la precedente gestione della società che attualmente è presieduta dall’ingegner Floriano Noto e ha come presidente onorario l’avvocato Nicola Cantafora che ha fatto anche parte del collegio difensivo al processo federale, insieme a Giancarlo Pittelli, Sabrina Rondinelli e Domenico Infantino. 

Intanto, il Tribunale Federale Nazionale, presieduto da Cesare Mastrocola, ha inflitto 1 punto di penalizzazione alla società "per non aver provveduto, entro il termine del 26 giugno 2017, al pagamento degli emolumenti dovuti fino al mese di maggio 2017" ai propri tesserati; inibito inoltre il legale rappresentante del club all'epoca dei fatti Ambra Cosentino (3 mesi).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi