calcio

Acr Messina, dopo i veleni serve chiarezza

E' sempre più caos attorno all'ACR Messina dopo la partita di domenica scorsa con la Paganese e l'inchiesta aperta dalla Procura Federale che sospetta un coinvolgimento della squadra giallorossa nel calcioscommesse. E proprio ieri la Federbet ha comunicato i dettagli delle giocate anomale sulla gara del “Franco Scoglio”.

Acr Messina, dopo i veleni serve chiarezza

Ma cosa sta accadendo nel messina? E' quello che in queste ore si stanno chiedendo un po' tutti , non solo i tifosi giallorossi ma l'intero mondo del calcio dopo gli strascichi che ha portato con se la gara Messina-Paganese. Poche volte come questa volta si è parlato apertamente di sospetti, scommesse, giocate. La squadra del presidente  Stracuzzi è da molte settimane nell'occhio del ciclone. Più volte la Federbet ha sospeso le giocate che riguardavano le partite del Messina. Ma l'ultimo caso è forse il più clamoroso. C'è senz'altro qualcosa di poco chiaro dietro tutto questo. Una regia occulta diretta a coinvolgere la squadra giallorossa che adesso prova a difendersi. Troppe maldicenze e allora il Messina, per mano del suo legale l'avvocato Giovanni Villari,  ha già pronto un esposto da inviare alla procura della Repubblica per tutelare l'immagine della società. Non è escluso infatti che presto anche la giustizia ordinaria possa indagare su questa vicenda dopo che la Procura Federale ha  avviato un'inchiesta e già domenica sera giocatori, dirigenti e tecnici di messina e Paganese sono stati sentiti. 

Già perchè qualcosa che non quadra c'è di sicuro. Per la gara di domenica al Franco Scoglio sono state vinte cinquecentomila euro con giocate più che sospette. A comunciarlo è la stessa Federbet. La partita infatti ha rispecchiato l'andamento delle giocate che sono state effettuate nella stragrande maggioranza a Messina e provincia ed a Pagani:  l’X finale, il 2-2 risultato esatto, 2 primo tempo e x finale. Solo coincidenze? Sarà ma ci si chiede perchè nel tritacarne finisca sempre il messina. E c'è poi il presidente Sracuzzi, che dopo la sconfitta con la Casertana licenzia il portiere Berardi su Fb, poi ci ripensa.. Ma poi Berardi sbaglia ancora in occasione del primo gol contro la Paganese e si ritorna a discutere. Stracuzzi nega di aver mai puntato il dito contro Berardi ma intanto si cautela con l'arrivo dell'ex portiere del Real Madrid Miguel Angel Martinez. Sarà il numero uno giallorosso per il resto del campionato. E sulla Gazzetta dello Sport  oggi spunta un'intervista a Stracuzzi dai toni durissimi ma il presidente nega, dice di essere stato male interpretato di non aver mai detto quelle cose. Un altro mistero di questa storia di cui non si riesce a venire a capo. Una matassa appositamente ingarbugliata dietro la quale si staglia un'ombra nera e minacciosa. La stessa che da anni avvolge il calcio italiano, soprattutto le categorie più distanti dalle luci della ribalta e che  tanto male fa ai tifosi giallorossi che amano visceralmente la loro squadra e che vogliono, sapere, capire perchè ne hanno il diritto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi