Il nuovo romanzo del drammaturgo e attore palermitano Davide Enia

Tra i naufragi e gli approdi di Lampedusa

Una testimonianza di cui oggi c'è grande bisogno

Tra i naufragi e gli approdi di Lampedusa

Naufragi e approdi: potrebbe essere anche detta solo così, la vita. Un sistema, casuale o forse no, caotico o forse no, di naufragi che ci disperdono e approdi che ci raccolgono. Ogni morte che ci attraversa, ogni distacco, ogni abbandono è un naufragio; eppure ogni legame che saggiamo, ogni frammento d’amore o di bellezza che ci punge come una magnifica spina è un approdo. La vicenda di Davidù, l’io narrante di “Appunti per un naufragio” (Sellerio) – l’ultimo romanzo di Davide Enia, giovane e geniale drammaturgo, attore, regista, romanziere palermitano (che ha appena parteicpato, col suo potente "Scene dalla frontiera", al progetto "Ritratto di una Nazione - L'Italia al lavoro. Venti quadri teatrali dalle regioni del Paese) – e del suo rapporto col padre, taciturno medico in pensione, e lo zio Beppe, compagno segreto di gioie e delusioni infantili e poi in qualche modo approdo, in età adulta, d’un modo condiviso di sentire, è però inscritta in un sistema di naufragi e approdi che è, in questo momento, la più dolorosa e cruciale dei nostri tempi: quella dei migranti che vanno verso Lampedusa. Perdendosi, a migliaia, per le strade di sabbia e d’acqua; trovandosi, a migliaia, al limitare di due continenti che li respingono in modo diverso. Tendendo a quell’isola nera e spoglia il cui nome è sia “lepas”, lo scoglio che scortica, roccia dentro l’onda, sia “lampas”, la fiaccola nel buio. «Un chiummo ma anche una piuma”.
Cittadino elettivo di Lampedusa, storiografo di naufragi e approdi, Davidù – che è proprio lui, Davide Enia il romanziere siciliano – ha scritto un libro in qualche modo urgente, perché è necessario, in questo momento, sapere cosa accade, e non solo con l’occhio dei media che tutto macina nel suo tritacarne quotidiano: romanzo e autobiografia, reportage e lirica, testimonianza e riflessione, questo libro è molte cose assieme, sta al confine di molte narrazioni, come una Lampedusa di parole che continua a scorticare eppure splendere, al confine tra i continenti e le placche terrestri in continuo conflitto.
In qualche modo è lo sguardo, il protagonista del libro. Quello di Davidù, che interroga con le parole del drammaturgo e del romanziere le persone: i locandieri, il samurai-comandante, il sommozzatore, la dottoressa, il falegname, il becchino; quello di suo padre, che fotografa i dettagli e le ombre, il muto dialogo delle cose, che è altrettanta ricerca di parole; quello di chi è interrogato e racconta il suo pezzo di storia, il suo naufragio e il suo approdo. Quello che unisce padre e figlio, che si cercano e si toccano – approdo l’uno dell’altro – senza parlarsi. Quello che noi, uomini e donne di questi giorni – che pure sono occhiuti e mediatici e digitali e illusi che non sfugga nulla a nessuno – , cerchiamo di trovare, perché dal sistema di naufragi e approdi di Lampedusa sgorgano domande fondamentali, questioni capitali a cui non si può sfuggire: la vita, la morte, l’etica, ciò che definiamo umanità. Questioni che sembrano del tutto assenti, espulse dal pur feroce dibattito pubblico sui naufragi di Lampedusa, sugli approdi necessari. 
Enia racconta, a un certo punto, che in tanti testimoniano la stessa cosa: «Chi annega, spesso urla il proprio nome». Che sia assassinato dagli scafisti o tradito dall’onda, grida quel suo nome, perché gli altri sappiano. Forse è questa, oggi, la missione della letteratura: tocca sempre alla letteratura avvicinare lo sguardo, e, nel naufragio delle cose, trovare l’approdo di una parola, di un nome.                

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi