Taormina

Il Tao Film Festival riparte

Presentata la 63^ edizione (6-9 luglio). L’evento di punta sarà la lunga Notte del cinema, sabato 8, con proiezioni, incontri, concerti

Il Tao Film Festival riparte

Dopo le polemiche e il bando annullato che sembrava destinato a far saltare la manifestazione, il Taormina Film Festival riparte ed è stata presentata alla Casa del Cinema la 63esima edizione. L'evento quest'anno organizzato “in house” da TaoArte con la Regione Siciliana avrà luogo dal 6 al 9 luglio nella Perla dello Ionio, mentre come ormai da tradizione la preapertura si svolgerà il 5 luglio a Messina al Monte di Pietà in collaborazione con la Città Metropolitana di Messina.

Il festival è stato presentato in conferenza stampa alla presenza dell'assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, e con il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, il sindaco di Messina, Renato Accorinti, Alessandro Rais, direttore dell’Ufficio Speciale per il Cinema e l’Audiovisivo della Regione Siciliana / Sicilia Film Commission, assieme al gruppo di lavoro che ha preparato l'evento, ovvero il segretario generale di TaoArte Ninni Panzera (coordinatore), Sino Caracappa e Paolo Signorelli, questi ultimi in rappresentanza dell’Anec (Associazione Nazionale Esercenti Cinematografici).

E c'era ieri a Taormina anche Pietro Di Miceli, che da Commissario ad Acta per lo Statuto della Fondazione TaoArte è passato adesso all'incarico di Commissario straordinario della neonata Fondazione TaoArte: il provvedimento è stato firmato a Palermo nei giorni scorsi.

Nonostante le difficoltà della vigilia e i tempi stretti che imporranno un’edizione ridotta nei costi e nel formato, si punterà a proporre al pubblico una maratona di cinema nazionale ed internazionale, con quattro Master Class, sei film in anteprima nazionale, proiezioni di documentari patrimonio della cultura siciliana e presenze di grande spessore artistico.

Tre le location principali, Palazzo dei Congressi, Cinema Olimpia e Villa Comunale che diverranno ben dieci per la Notte del Cinema. Leitmotiv del festival 2017 contaminazioni tra le arti: cinema, musica, teatro, opera lirica, letteratura si incontrano, si intrecciano. Sette i film stranieri in anteprima nazionale tutti provenienti da Cannes: “Rodin” di Jacque Doillon, “Hikari” (Radiance) di Naomi Kawase, “Becoming Gary Grant” di Mark Kidel, “Oh Lucy” di Atsuko Hirayanagi, “Patti Cakes” di Jeremy Jasper, “La Cordillera” di Santiago Mitre e “Le Phantomes d'Ismael” di Arnaud Desplechin.

La cinematografia italiana sarà protagonista al Palazzo dei Congressi con alcune prime assolute: “Totò e Vicè” di Umberto De Paola e Marco Battaglia, un affettuoso omaggio a Franco Scaldati, “Mario Soffia sulla cenere” di Alberto Castiglione. Completeranno il palinsesto “Handy” di Vincenzo Cosentino, “Alamar” di Pedro Gonzales Rubio e “Sette giorni” di Rolando Colla. Tra i documentari, «La luce di Pino Pinelli» di Mimmo Calopresti e «La prova» di Ninni Bruschetta, originale pellicola sulla potenza del testo shakespeariano.

Le Masterclass, fiore all’occhiello del festival, si svolgeranno al PalaCongressi, precedute dalla proiezione di un film e dove protagonisti assoluti saranno i giovani. Previsto anche un omaggio a Isabella Ragonese, in tutte le giornate del festival con proiezioni di film indicati direttamente dall’attrice.

Il Taormina FilmFest 2017 organizzerà sabato 8 luglio assieme al Comune di Taormina La Notte del Cinema, con proiezioni di film, documentari, concerti e presentazioni di libri in angoli suggestivi di Taormina e con due film, “Arancia meccanica” di Stanley Kubrick e “Lezione 21” di Alessandro Baricco, in programma, oltre alla IX Sinfonia di Beethoven, che verrà eseguita nella stessa sera al Teatro Antico dall’Orchestra e Coro del Massimo di Palermo, con la direzione del maestro Zubin Mehta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi