RockEconomy

Celentano, più star
che "predicatore"

Tanto rock e talento, quindi, mentre l'atteso 'sermone' é durato pochi minuti e il dibattito sulla crisi economica con il francese Jean Paul Fitoussi e i giornalisti del Corriere della Sera Stella e Rizzo è stato commentato a un certo punto dai fischi di una parte del pubblico, che chiedeva la musica.

Celentano, più star
che "predicatore"
Più canzoni che parole: come annunciato dalla moglie Claudia Mori, RockEconomy ha dato più spazio al Celentano cantante che al guru. Tanto rock e talento, quindi, mentre l'atteso 'sermone' é durato pochi minuti e il dibattito sulla crisi economica con il francese Jean Paul Fitoussi e i giornalisti del Corriere della Sera Stella e Rizzo è stato commentato a un certo punto dai fischi di una parte del pubblico, che chiedeva la musica.

La prima delle due serate, in onda in diretta su Canale 5 dall'Arena di Verona (sold out, 11.500 persone a sera) parte con Svalutation e l'anfiteatro esplode. Adriano, 74 anni portati splendidamente, torna sulla scena live dopo 18 anni e per la prima volta sbarca sulle reti Mediaset ("La Rai non lo ha voluto", ha detto ieri la Mori). Il Molleggiato dimostra di mantenere saldo il suo scettro dopo mezzo secolo di successi.

Dopo un testo di Rifkin e Latouche sui temi a lui molto cari (bellezza delle città e dei passaggi, accesso all'acqua potabile e qualità dell'aria), Adriano entra in scena. Giacca grigia, pantaloni neri e basco tricoté grigio impreziosito da strass ai lati, viene salutato dai fan con affetto (in platea Paolo Bonolis, Eros Ramazzotti, Ivano Fossati, Al Bano, Mogol e la figlia Rosita). Dopo Svalutation, un Rock&Roll anni '50, Rip Hit Up. Trascina il pubblico con La cumbia di chi cambia (pezzo a sfondo sociale firmato Jovanotti). Accompagnato dalla Big band (18 musicisti) diretta da Fio Zanotti, 20 vocalist e 25 performer, Celentano spazia da L'emozione non ha voce, che dedica all'amico Gianni Bella ("che con un altro grande amico, Mogol, ha fatto tanti successi") a 'Io sono un uomo libero' di Fossati. Fino a Pregherò del '62, Azzurro, La mezzaluna ('65), Scende la pioggia e Ti penso e cambia il mondo con Gianni Morandi, L'artigiano (brano anti-fisco dell"81) e Prisencolinensinainciusol.

"La crescita è subordinata a una drastica inversione di marcia dell'uomo, senza la quale è impossibile venirne fuori": dice nel monologo che arriva un'ora dopo l'inizio. "La crescita é subordinata a una drastica inversione di marcia dell'uomo, senza la quale è impossibile venirne fuori". La mancanza di democrazia in Europa è stato invece il tema dell'intervento di Fitoussi: "La disuguaglianza è divenuta così grande che è incompatibile con la democrazia, in Europa non siamo più in un regime democratico", sostiene l'economista, per il quale ormai " i governi devono ubbidire a delle regole piuttosto che alla sovranità popolare, al fiscal compact, al patto di stabilità.

Ma non ai cittadini". Riceve applausi, e Celentano è soddisfatto. Ma quando il dibattito si prolunga, una parte del pubblico comincia a rumoreggiare: vuole la musica. A rendersene conto è il navigato Morandi, ospite fisso delle due serate, "E' un discorso un po' lungo Adriano, vogliono la musica".

Si bissa domani. Ma sarà tutto un altro show. Parola di Adriano che alla fine, uscendo a marcia indietro nei gradini laterali, inciampa. Ma con uno scatto felino si riprende ed esce ridendo. Chissà quali sorprese ci riserverà il Molleggiato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi