Siracusa

Sequestrata la Fiera del Sud. Arresti per bancarotta fraudolenta e frode fiscale.

Il valore del centro commerciale si aggira sui 22 milioni di euro L'operazione della Guardia di Finanza di Palermo e Siracusa nei confronti del Gruppo FRONTINO.

Sequestrata la Fiera del Sud.  Arresti per bancarotta fraudolenta e frode fiscale.

Imponente operazione della Guardia di Finanza di Palermo e Siracusa delegata della Procura della Repubblica di Siracusa nei confronti del Gruppo FRONTINO. In esecuzione di due distinti provvedimenti disposti dal GIP del Tribunale di Siracusa, su
richiesta della locale Procura della Repubblica che ha coordinato le indagini, la Guardia di Finanza di Palermo e Siracusa in data odierna hanno portato a compimento due importanti operazioni di Polizia Economico Finanziaria aventi ad oggetto gli interessi imprenditoriali del Gruppo FRONTINO gravitanti intorno al centro Commerciale “Fiera del Sud”.

Trattasi delle operazioni: “ARCHIA” E “FIERA DEL SUD”.

OPERAZIONE ARCHIA
Le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Palermo hanno eseguito un decreto di misure cautelari emesso dal G.I.P. del Tribunale di Siracusa, nei confronti di VENEZIA Davide, SAPIENZA Alfredo e GIBILISCO
Rosa, indagati per bancarotta fraudolenta e frode fiscale nella costruzione del centro commerciale “Fiera del Sud” di Siracusa.
Una quarta misura cautelare è in corso di esecuzione.

L’attività, iniziata nel 2016, ha tratto origine da una delega rilasciata alla Guardia di Finanza palermitana dalla Procura della Repubblica di Siracusa tesa a delineare le vicende economico-finanziarie di numerose imprese avvicendatisi nella costruzione del centro commerciale “Fiera del Sud” di Siracusa a seguito della quale i finanzieri del I GruppoTutela Entrate hanno svolto complesse indagini con l’esame di migliaia di documenti cartacei e digitali, l’audizione di testimoni e l’esecuzione di indagini finanziarie, che hanno svelato vorticosi passaggi di denaro tra persone fisiche e giuridiche.

In ordine alla bancarotta è stato appurato che gli amministratori di diritto succedutesi nel tempo e quello di fatto della CODAF S.r.l. distraevano somme per oltre 250.000 euro eseguendo pagamenti non giustificati in favore di alcune imprese ed esponevano nel bilancio fatti materiali rilevanti non rispondenti al vero, celando maggiori perdite per quasi 3,5 milioni di euro. Peraltro, celavano le scritture contabili della citata società, in modo da rendere impossibile la completa ricostruzione del patrimonio e degli affari. In aggiunta, aggravavano il dissesto della Attività Edilizie S.r.l. astenendosi dal richiedere il fallimento
quando già era emersa una situazione di dissesto irreversibile.


Con riguardo ai reati fiscali, è stato appurato che la RGD S.r.l. ha evaso le imposte per circa 250.000 euro e che alcune persone coinvolte dalle indagini avevano compiuto atti fraudolenti sui beni della Emmea S.r.l. al fine di sottrarsi al pagamento delle imposte, rendendo inefficace la procedura di riscossione coattiva, non versavano l’iva per oltre 500.000 euro e conferivano simulatamente nel trust “Quantias Superuisorem”, avente trustee un trust di diritto elvetico a sua volta partecipato da una fiduciaria sempre elvetica, le quote del capitale sociale di alcune società che a loro volta, a cascata, detengono i capitali
sociali di svariate imprese tutte riconducibili alla medesima famiglia.


A seguito di ciò, in un primo momento, sono stati eseguiti sequestri di disponibilità liquide, beni immobili e quote societarie, tra le quali il capitale sociale, pari a 2.000.000 di euro, della società proprietaria del menzionato centro commerciale il cui valore è stato stimato in circa 29 milioni di euro. I vincoli cautelari venivano successivamente confermati in toto dal
Tribunale del Riesame di Siracusa a seguito dei ricorsi presentati. A conclusione delle attività odierne, i finanzieri del Nucleo P.E.F. di Palermo, coadiuvati da quelli della Compagnia di Augusta, sul totale di sette persone indagate, hanno eseguito
quattro arresti, nonché sequestrato le quote di uno sham trust di diritto italiano avente trustee un trust di diritto elvetico a sua volta partecipato da una fiduciaria sempre elvetica, quote societarie e disponibilità finanziarie a fronte dell’emissione del provvedimento di sequestro per oltre mezzo milione di euro emesso dal G.I.P. di Siracusa.


OPERAZIONE “FIERA DEL SUD”
L’operazione in rassegna riguarda le vicende relative alla costruzione ed apertura del Centro commerciale “Fiera del Sud”, originariamente di proprietà della società Open Land S.r.l., successivamente per cessione di ramo d’azienda della Emmea S.r.l. ed infine di altra azienda riconducibile alla famiglia “Frontino”.

All’esito delle investigazioni svolte dal Nucleo di Polizia Economico - Finanziaria di Siracusa, risultano indagate, in concorso tra loro, per il reato di truffa 10 persone fisiche individuate quali amministratori di fatto e di diritto ovvero procuratori di società facenti parte del “Gruppo Frontino”, nonché il contabile delle stesse società.

Trattasi di FRONTINO Concetta, FRONTINO Daniela, CIMINO Maria, GIBILISCO Rosa, SAPIENZA Alfredo, VENEZIA Davide, AIDARA Oumar, ZOMBO Adama, DEL GRECO Graziano e NOTO Salvatore.

Agli odierni indagati si contestano una serie di condotte fraudolente, qualificate come “truffe contrattuali”, finalizzate a consentire al Gruppo imprenditoriale “FRONTINO” di edificare il Centro Commerciale “Fiera del Sud” eludendo fraudolentemente i debiti contratti nei confronti dei subappaltatori che avevano realizzato le diverse opere infrastrutturali.
Questi ultimi, creditori di notevoli cifre di denaro corrisposte solo in minima parte dalla società appaltatrice, sarebbero stati indotti a proseguire e ultimare i lavori in subappalto, confidando sulle rassicurazioni e nelle artificiose rappresentazioni fornite loro dagli amministratori di fatto e di diritto del gruppo imprenditoriale Frontino.

Le evidenze d’indagine hanno consentito di delineare uno scenario delittuoso il cui risultato finale perseguito dalle società del gruppo Frontino era quello di pervenire alla costruzione e all’apertura del centro commerciale sostenendo costi minimi, non onorando sostanzialmente i debiti verso terzi, e neutralizzando preventivamente la possibile azione giudiziaria dei terzi
mediante l’intervento, quali cessionari dei contratti, di scatole societarie incapienti, in modo da frustrare ogni effettiva possibilità di recupero del credito vantato nei confronti delle società del gruppo Frontino.


Pertanto, il complesso edilizio dove insiste il centro commerciale “Fiera del Sud” si qualifica come “prodotto” delle molteplici condotte integranti ipotesi di “truffa contrattuale” perpetrate in danno dei subappaltatori che hanno proceduto alle opere, considerando pertanto il manufatto realizzato, quanto meno nella sua maggior parte, il “prodotto” di tali condotte.
L’immobile sequestrato è stato affidato in giudiziale custodia ad un Amministratoregiudiziario appositamente nominato dalla locale procura della Repubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi