CITTA' DEL VATICANO

Il Papa ritorna in Sicilia

Dopo Lampedusa, il Pontefice atteso a Piazza Armerina e Palermo per omaggio a padre Puglisi

Il Papa ritorna in Sicilia

Il Papa rende omaggio a don Pino Puglisi, primo martire della Chiesa ucciso dalla mafia. Il prossimo 15 settembre, a 25 anni dalla morte per mano mafiosa dell'eroico sacerdote, Francesco andrà in visita in Sicilia alle diocesi di Piazza Armerina (Enna) e di Palermo.
E' stata la Prefettura della Casa pontificia a specificare che il viaggio del Papa si svolgerà nel 25/o anniversario della morte del beato Puglisi, ucciso nel giorno del suo compleanno nella periferia palermitana di Brancaccio. Nello stesso quartiere dov'era nato 56 anni prima e dove dal 1990 svolgeva il suo ministero come parroco di San Gaetano. Per la sua attività di promozione umana ed evangelizzazione, condotta dal pulpito parrocchiale, con la realizzazione del centro "Padre nostro" e con l'insegnamento nelle scuole, finì nel mirino delle famiglie mafiose che controllavano il quartiere, soprattutto i fratelli Graviano, legati alla famiglia del boss Leoluca Bagarella.
Don Pino non tentava di portare sulla giusta via quanti erano già entrati nel vortice della mafia, ma cercava di non farvi entrare i bambini che vivevano per strada e consideravano i mafiosi degli idoli. Si rivolgeva spesso ai mafiosi durante le sue omelie, a volte anche sul sagrato della chiesa. Don Puglisi tolse dalla strada ragazzi e bambini che, senza il suo aiuto, sarebbero stati risucchiati dal crimine, e impiegati per piccole rapine e spaccio. Il fatto che togliesse giovani alla mafia fu la principale causa dell'ostilità dei boss, che lo consideravano un ostacolo. Decisero così di ucciderlo, dopo una lunga serie di minacce di morte di cui don Pino non parlò mai con nessuno.
Il 15 settembre 1993 intorno alle 22:45 fa ucciso davanti al portone di casa in Piazzale Anita Garibaldi, nella zona est di Palermo. Mandanti dell'omicidio furono i capimafia Filippo e Giuseppe Graviano, arrestati il 26 gennaio 1994. Giuseppe Graviano fu condannato all'ergastolo per l'uccisione di don Puglisi il 5 ottobre 1999. Il fratello Filippo, assolto in primo grado, fu condannato in appello all'ergastolo il 19 febbraio 2001. Condannati all'ergastolo dalla Corte d'assise di Palermo anche Gaspare Spatuzza, Nino Mangano, Cosimo Lo Nigro e Luigi Giacalone, gli altri componenti - oltre al pentito Giuseppe Grigoli che collaborò con gli inquirenti - del commando che aspettò il prete sotto casa. Il 28 giugno 2012 la Congregazione delle Cause dei santi ha promulgato il decreto di beatificazione di don Puglisi per il martirio 'in odium fidei' e il 25 maggio 2013, in una cerimonia a Palermo davanti a centomila fedeli, il suo nome è stato iscritto nell'albo dei beati.
Intanto papa Bergoglio ha nominato prefetto proprio della Congregazione delle Cause dei Santi mons. Giovanni Angelo Becciu, uno dei nuovi cardinali del prossimo Concistoro del 29 giugno. Becciu, sardo di Pattada (Sassari), 70 anni il prossimo 2 giugno, prenderà possesso dell'ufficio alla fine di agosto, rimanendo intanto sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato fino al 29 giugno, e continuando come delegato pontificio presso il Sovrano Militare Ordine di Malta.
(ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi