Nel Catanese

Abusa della figlia di 10 anni della convivente, a giudizio

Approfittava dell'assenza per lavoro della donna

Abusa della figlia di 10 anni della convivente, a giudizio

Il Gup di Catania, Carlo Umberto Cannella, ha rinviato a giudizio un 45enne per violenza sessuale aggravata e continuata su una bambina di dieci anni, figlia della sua convivente. Secondo l'accusa, l'uomo avrebbe più volte approfittato della piccola che restava a casa con lui mentre la madre, che si era separata, andava al lavoro. Avrebbe anche minacciato la sua vittima di ritorsioni nei confronti dei suoi genitori. Le indagini dei carabinieri sono state avviate nel Catanese dopo che un familiare della bambina, che abita nello stesso palazzo, non ha visto sul cellulare di sua figlia, una cuginetta della vittima, un messaggio che le aveva mandato l'uomo con avance sessuali e promesse di soldi. E' stata la madre della piccola a denunciare il suo allora convivente. La bambina, per precauzione, è stata allontanata da casa e affidata al padre. L'inchiesta è stata coordinata dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall'aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto Rosaria Molè. Il processo inizierà a dicembre davanti alla quarta sezione penale del Tribunale di Catania. Nel corso dell'udienza preliminare si sono costituiti parte civile il padre della bambina, anche per conto della figlia, assistiti dall'avvocato Fabio Cantarella, e la madre con il penalista Davide Tutino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Il Messina sogna il ripescaggio

Il Messina sogna il ripescaggio

di Antonio Sangiorgi

Troppi abusivi sulla riviera

Troppi abusivi sulla riviera

di Francesco Triolo