Messina

Il topicida portato da un’agente in servizio al carcere

Svolta nelle indagini. Probabilmente già oggi verrà dimesso dal Policlinico il piccolo nigeriano che ha ingerito il potente veleno.

Il topicida portato da un’agente in servizio al carcere

Calogero Tessitore, direttore del Carcere di Gazzi

Sarebbe stata una poliziotta penitenziaria in servizio alla Casa circondariale di Gazzi a portare all’interno, e a lasciarle sul pavimento, le bustine del potentissimo topicida che, nel primo pomeriggio dello scorso 6 settembre, è stato in parte ingerito dal bimbo nigeriano rinchiuso con la madre e con la sorellina nel reparto femminile del carcere di via Consolare Valeria.

La donna, dopo il clamore mediatico suscitato dalla notizia, avrebbe ieri mattina deciso di “confessare” le proprie responsabilità al direttore dell’istituto di pena, Calogero Tessitore, che ha immediatamente trasmesso quanto di competenza agli organi competenti.

L’agente di polizia penitenziaria è stata così immediatamente sottoposta a procedimento disciplinare.

L'articolo completo nell'edizione in edicola della Gazzetta del Sud

Clicca qui per acquistare la tua copia digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi