messina

Confiscato a Messinambiente un milione 250mila euro!

Proprio alla vigilia del piano concordatario arriva una decisione choc del Tribunale per tributi Iva non pagati nel 2013.

Confiscato a Messinambiente un milione 250mila euro!

«Troppe coincidenze fanno una certezza». Usa una delle battute dell'assessore Daniele Ialacqua, il commissario di Messinambiente Giovanni Calabrò per commentare l'ennesima tegola che si è abbattuta sulla società di via Dogali. Una confisca da 1.252.039.000 euro notificata dalla Guardia di Finanza, con procedimento a carico dell'ex commissario Alessio Ciacci per la dichiarazione annuale 2014 e relativa a tributi Iva non pagati nell'anno 2013. Mentre giovedì mattina Ialacqua, Calabrò e l'amministratore unico della “Messina Servizi” Beniamino Ginatempo erano seduti attorno a un tavolo per definire gli ultimi dettagli del piano concordatario, approvato di fretta e furia in giunta nello stesso pomeriggio, all'interno degli uffici di MessinAmbiente è giunta quella che Calabrò considera l'ennesima «bomba ad orologeria».

Il commissario, infatti, non nasconde lo stupore, la sorpresa e l'amarezza per un provvedimento che arriva nel pieno svolgimento della procedura concordataria. «La confisca è stata disposta dal Tribunale – spiega Calabrò – proprio durante la fase di concordato, quando, almeno secondo quanto sostenuto dai nostri avvocati, questo tipo di procedimenti solitamente vanno a bloccarsi. Sia chiaro – continua – si tratta di atti e somme dovute, ma il tempismo con cui arrivano questi provvedimenti non può non destare sospetti».

L'articolo completo nell'edizione in edicola oggi della Gazzetta del Sud

clicca qui per acquistare la tua copia digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Cairoli, non solo la ruota

Cairoli, non solo la ruota

di Domenico Bertè