messina

Confiscati beni per 28 milioni a un imprenditore

Il destinatario del provvedimento è ritenuto contiguo al clan di Barcellona e a quello dei Santapaola di Catania.

Confiscati beni per 28 milioni a un imprenditore

foto di A. Villari

Salvatore Santalucia, 62 anni, personaggio con numerosi precedenti anche per reati associativi, risulta strettamente legato alle famiglie mafiose “Santapaola” di Catania ed a Cosa Nostra “Barcellonese”, come confermato dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Carmelo Bisognano.
L’attività imprenditoriale di Santalucia, originario di Roccella Valdemone, ha registrato, nel tempo, un’anomala crescita esponenziale, tanto da guadagnarsi, fra il 2003 ed il 2010, la partnership con la società Eolo Costruzioni s.r.l., impresa del Gruppo Nicastri - riconducibile a Vito Nicastri di Alcamo - leader in Sicilia nella realizzazione delle opere civili dei parchi eolici. A quest’ultimo, finito nel mirino della D.I.A. di Messina e Palermo perché considerato soggetto in strettissimi rapporti con il super latitante Matteo Messina Denaro, è stato confiscato un colossale impero economico per oltre 1,5 miliardi di euro.
Il provvedimento di oggi, prevede la confisca di un patrimonio ci circa 28 milioni di euro sequestrato in due tranche fra il 2015 ed il 2016. Il provvedimento aveva colpito 4 aziende, operanti nel settore dell’agricoltura, dell’allevamento, del movimento terra, della produzione di calcestruzzo e delle costruzioni edili, 294 terreni a Roccella Valdemone, Gaggi e Castiglione di Sicilia, decine di fabbricati, veicoli e diversi rapporti finanziari.
Le indagini della DIA hanno dimostrato la pericolosità sociale di Santalucia, e la notevole sproporzione tra i redditi dichiarati ed i beni posseduti dall'imprenditore e dal suo nucleo familiare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi