Ragusa

Espulsi due presunti jihadisti

Si tratta di due tunisini che si erano fatti notare per azioni di propaganda dello stato islamico. Polizia e carabinieri li hanno accompagnati a Roma, dove, personale dell'Interpol, li ha imbarcati su un volo per Tunisi

Espulsi due presunti jihadisti

Ragusa - Eran sospettati di avere rapporti con organizzazioni terroristiche islamiche. E per questo, per un periodo, sono stati tenuti sotto controllo. Alla fine i sospetti si sono rivelati fondati e per due tunisini le porte dell’Italia si sono immediatamente chiuse. Il provvedimento di espulsione è stato firmato dal ministro dell’Interno Marco Minniti. Prima, il questore di Ragusa Giuseppe Gammino aveva disposto, con proprio decreto, l’accompagnamento alla frontiera, atto convalidato dall’autorità giudiziaria.

Le indagini sui due tunisini, di cui non sono state rese note le generalità, sono state condotte dai carabinieri e dalla Polizia. Entrambi gli immigrati vivevano in provincia di Ragusa e si erano distinti per azioni di propaganda in favore dello stato islamico dell’Isis. Nel provvedimento di espulsione si parla di «evidente riconducibilità ad organizzazioni terroristiche».

I due tunisini sono stati trasferiti a Roma all’alba e, scortati dal personale dell’Interpol, imbarcati su un aereo diretto a Tunisi. Non potranno più tornare in Italia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

V.Emanuele, ecco il programma

V.Emanuele, ecco il programma

di Giuseppina Borghese