messina

"Vivo nell’ombra per servire e proteggere lo Stato"

Il Comandante Alfa ieri in città per presentare il suo libro. La storia del Gis, una delle forze speciali «migliori al mondo».

"Vivo nell’ombra per servire e proteggere lo Stato"

Addestrati a fronteggiare situazioni a cavallo fra la realtà e la finzione, impegnati, ogni giorno a qualsiasi ora, per la difesa dell’Italia, pronti a rinunciare anche alle proprie vite pur di garantire a ogni cittadino la sicurezza, in patria e all’estero. Sono gli uomini del Gis, Gruppo intervento speciale dell’arma dei Carabinieri, la cui storia è stata raccontata da uno dei suoi fondatori, il “Comandante Alfa” nel libro “Io vivo nell’ombra”, presentato in anteprima nazionale ieri pomeriggio in una gremita aula magna dell’Università di Messina, nell’ambito dell’incontro “Dalla mafia al terrorismo: la storia segreta di un uomo di Stato”.

A conversare con l’autore, durante questo secondo appuntamento della rassegna “Leggere il presente”, organizzata dall’Ateneo, dall’Accademia Peloritana dei Pericolanti e da Taobuk, il giornalista del “Corriere della Sera”, Andrea Nicastro. «La vita di un carabiniere del Gis è una vita in attesa che ti chiamino da un momento all’altro. Tu non puoi dire di no – ha detto l’autore –. Puoi trovarti a casa, in vacanza, dappertutto, ma devi subito partire».

L'ARTICOLO COMPLETO NELL'EDIZIONE DI OGGI DELLA GAZZETTA DEL SUD

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Via dei Mille, rubate 15 piantine

Via dei Mille, rubate 15 piantine

di Maurizio Licordari