rometta

Discarica nel torrente, colpevoli “immortalati”

Sorpresi a depositare rifiuti nel greto del Saponara. I due uomini sono stati scoperti da un passante che ha scattato la foto, consegnandola all’amministrazione comunale

Discarica nel torrente, colpevoli “immortalati”

Sorpresi a gettare rifiuti nel torrente Saponara, creando una discarica a cielo aperto. La denuncia di questo grave episodio arriva dal vice sindaco di Rometta, Giusepppe La Face, che con una foto postata sui social immortala il gesto inqualificabile di due uomini, intenti a scaricare sacchi neri di spazzatura dal cofano di una Fiat punto, lasciandoli per terra ai bordi del torrente, vicino ad altri sacchi neri. I due uomini sono stati sorpresi da un passante che ha scattato la foto, consegnandola all’amministrazione comunale. Nella foto è visibile la targa dell’auto, per cui la polizia municipale ha proceduto con il riconoscimento dei due uomini; i due sono stati poi sentiti e sono state verbalizzate le loro dichiarazioni. I due autori del gesto, che non risultano essere cittadini di Rometta, sono stati sanzionati con una multa di 600 euro e ora gli atti saranno trasmessi all’autorità giudiziaria per la possibile rilevanza penale.

Episodi del genere purtroppo si registrano in diverse zone della provincia: qualche settimana fa a Serro, frazione di Villafranca, venne rilevata la presenza di una discarica abusiva. Nei sacchi resti di lavori edili e carcasse di animali. L’amministrazione comunale romettese si sta ora attivando per monitorare sempre più il territorio, soprattutto con l’avvento della stagione estiva e l’aumento della popolazione, ed arginare situazioni simili, invitando i cittadini a segnalare questo genere di episodi in maniera tale da poter procedere con le dovute azioni. La pulizia dei torrenti e delle zone marginali del territorio è fondamentale affinché non si creino discariche abusive. Già da qualche settimana sono stati avviati interventi per la pulizia dell’intero territorio romettese, coordinati dall’assessore Giuseppe Saija, a cui hanno preso parte anche diversi volontari. Sono state attenzionate in particolar modo le zone che da anni non subivano interventi di manutenzione ordinaria, e ripulite le aree turistiche, senza tralasciare le vie agricole e i villaggi. A fine mese verrà avviata la pulizia dei torrenti e delle foci, con la ripulitura e sagomatura degli argini dopo la stagione delle piogge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi