Destino crudele

Capo d’Orlando sotto choc per la morte di Tiziana Mangano

Il terribile schianto avvenuto ieri pomeriggio nel Milanese. Solo pochi mesi fa l’incidente in cui è rimasta uccisa sua cugina Lorena

Capo d’Orlando sotto choc per la morte di Tiziana Mangano

La notizia della scomparsa di Tiziana Mangano, la ragazza trentenne originaria di Capo d’Orlando morta in un incidente stradale autonomo a Rogoreto, nel Milanese, ha lasciato sconvolti orlandini e abitanti di Scafa, la contrada orlandina del papà e la borgata dove la ragazza durante le vacanze e i momenti liberi amava rifugiarsi.

L’incidente di Rogoredo, dove Tiziana si stava recando al lavoro con la sua Fiat 500 bianca ha lasciato attoniti tutti. E il pensiero è volato subito al dramma di Lorena, la cugina di Tiziana, vittima di un incidente stradale a Messina, il cui ricordo è ancora vivo nella mente di tutti. Lorena, diventata ormai il simbolo della battaglia per la sicurezza sulle strade, e i cui organi espiantati hanno ridato speranza a tanti giovani, era l’amica del cuore di Tiziana e le sue parole postate su facebook pochi giorni dopo la tragedia (l’incidente fu il 28 giugno) danno tutto il senso di questo legame.

«Dicono che il tempo possa aiutare... forse per me non è proprio così.. per me il tempo mi dà solo la consapevolezza, che purtroppo è tutto vero! Sempre nel mio cuore!».

Così postava Tiziana sul suo profilo che la ritraeva insieme a Lorena. Tiziana, non era sposata, amava la vita e la tragedia della cugina era stata per lei uno sprone per continuare a lottare per la sicurezza sulle strade. Così a chi la conosceva sembra veramente inspiegabile l’incidente in cui ha perso la vita. Alle 14.30 in pieno giorno, su un’ampia strada come la corsia dell’Autostrada del Sole e senza alcuno scontro con altri mezzi.

Secondo una prima ricostruzione la ragazza avrebbe perso il controllo del mezzo per schiantarsi sul guardrail vicino ai parcheggi. Le lamiere del guardrail sarebbero state fatali per la giovane che è stata estratta dall’abitacolo dai vigili del fuoco. Poi il volo disperato dell’elicottero del 118 ma per i medici dell’Humanitas non c’è stato nulla da fare. La ragazza viveva con la famiglia a Cinisello Balsamo, cittadina nella quale il papà emigrò da Capo d’Orlando per lavoro negli anni 70. Tiziana si era diplomata all’Istituto Erasmo da Rotterdam di Sesto San Giovanni e lavorava all’Euronics della cintura milanese che stava raggiungendo quando il destino si è accanito su di lei. Ieri i genitori e i fratelli di Lorena sono volati a Milano per accomunarsi al dolore della famiglia.

Un viaggio opposto a quello compiuto da Tiziana e dai suoi familiari quando a giugno dell’anno scorso sono scesi a Capo d’Orlando per l’ultimo saluto a Loren

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi