S. Agata di M.

Macellazione clandestina sui Nebrodi, oltre 30 ordinanze

La Polizia fa luce su filiera illegale di ingenti quantitativi di carne adulterata destinata al consumo. 50 indagati, 33 misure cautelari eseguiti. Coinvolti veterinari dell’ASP di Sant’Agata di Militello

Macellazione clandestina sui Nebrodi, oltre 20 ordinanze

La Polizia di Messina ha eseguito una vasta operazione nel territorio del Parco dei Nebrodi. Sono 33 le misure cautelari emesse dal GIP presso il Tribunale di Patti, Andrea La Spada, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica di Patti Francesca  Bonanzinga.

Le indagini condotte dai poliziotti del Commissariato P.S. di S. Agata Militello hanno fatto emergere come le attività illegali abbiano inizio con furti di animali, maltrattamento e loro uccisione, fino alla macellazione clandestina e successiva vendita al pubblico, con messa in commercio di alimenti pericolosi per la salute, poiché privi di controlli sanitari e quindi ad altissimo rischio per la trasmissione di malattie infettive, quale la tubercolosi.

 Tra le persone raggiunte da misura cautelare oggi ci sono allevatori e macellai, affiancati da medici veterinari in servizio presso l’ASP di Sant’Agata Militello, ciascuno con un preciso ruolo nell’organizzazione di una filiera illegale e clandestina delle carni parallela a quella certificata.

Ulteriori dettagli saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà stamani alle 11.30 in Questura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi