siracusa

Arrestati moglie e fratello del boss Triglia

L'accusa è di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, aggravata dalla finalità mafiosa

Arrestati moglie e fratello del boss Triglia

La moglie e il fratello del boss siracusano Antonio Trigila, che sta scontando una condanna all'ergastolo, sono stati arrestati stamane dalla polizia con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, aggravata dalla finalità mafiosa. Nunziatina Bianca, di 57 anni, e Gianfranco Trigila, di 42, sono stati posti ai domiciliari su disposizione della Dda di Catania. I provvedimenti cautelari sono l'epilogo di una complessa attività investigativa, sviluppata dal Commissariato di Avola e diretta dalla Dda, che ha permesso di fare luce su un traffico di sostanze stupefacenti organizzato dai vertici del clan Trigila d'intesa con la "ndrina" calabrese, che vanta una base operativa nel Milanese. Il clan Trigila, tra il 2010 ed il 2015, aveva organizzato un'attività di spaccio rifornendosi in Lombardia. Un ruolo di primo piano avrebbero svolto Nunziatina Bianca e Gianfranco Trigila, in assenza di Antonio Trigila, soprannominato "Pinuccio Pinnintula", detenuto da più di vent'anni.(ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi