Siracusa

Solo il 12% è
a binario doppio!

L’estensione complessiva delle linee ferroviarie in Sicilia è di 1380 km. La Giampilieri-Fiumefreddo e la Siracusa-Catania hanno ancora quello unico

Solo il 12% è  a binario doppio!

L’estensione complessiva delle linee ferroviarie in Sicilia è di 1380 km e di questi solo il 12 per cento è allo stato a binario doppio. Nella Sicilia orientale, da Messina a Siracusa, insistono due tratte a binario unico: la Giampilieri-Fiumefreddo (sulla quale stanno iniziando i lavori per il raddoppio) e la Siracusa-Catania.

Il raddoppio della linea ferrata deve quindi diventare una priorità del Governo nazionale, dopo quanto accaduto a Corato. E così il parlamentare nazionale del Pd, Pippo Zappulla, ha scritto una lettera aperta al ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, per sollecitare l’intervento strutturale «necessario per un moderno sviluppo del trasporto nell’area» e per la «sicurezza di passeggeri e operatori ferroviari».

«Oggi – scrive Zappulla – pur con la coscienza, il pensiero e il cuore ancora pieno di dolore, di angoscia, di rabbia per un evento che non poteva e non doveva accadere, mi sento di sottoporLe la vicenda della rete ferroviaria siciliana e, in particolare, del tratto che collega Siracusa a Catania».

Il parlamentare del Partito democratico spiega che Siracusa-Catania sono due province siciliane di «estremo rilievo economico, sociale e culturale di un’intera area che collega di fatto la Sicilia sud-orientale coinvolgendo i territori del Ragusano e fino a Messina con un bacino di utenza che supera il milione e mezzo di cittadini».

In particolare la rete ferroviaria che collega Siracusa e Catania «registra ancora un lungo tratto (quello che collega la stazione di Priolo Gargallo  in provincia di Siracusa alla Stazione di Bicocca provincia di Catania) con un solo binario. L’intera tratta misura 87 km e di questi a binario unico e semplice insistono ben 69 km. Parliamo di una tratta ferroviaria ancora a un solo binario che impedisce di fatto quel salto di qualità nell’offerta passeggeri e merci moderna e veloce all’altezza delle nuove esigenze di mobilità e di trasporto e di comodità e sicurezza».

Pippo Zappulla ricorda che un tratto dell’unico binario attraversa «dall’interno la zona industriale siracusana, ovvero il più grosso e vasto agglomerato di produzioni chimiche, petrolchimiche ed energetiche d’Europa. Un binario unico che attraversa gli stabilimenti e le produzioni industriali rappresentano una potenzialità di rischio per gli utenti, i lavoratori, i cittadini». La rete tra Catania e Siracusa è attualmente interessata da interventi di ammodernamento e velocizzazione, con lavori programmati fino al 2017. «Lavori utilissimi che consentiranno di accelerare la percorrenza e con maggiore sicurezza ma sempre di un solo binario. Ma il raddoppio del binario tra Priolo e Bicocca si potrà realizzare solo se diventerà un vera priorità del Governo, per rispondere a un bisogno di sicurezza, al diritto per qualche milione di cittadini italiani».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi