Lentini

No ai rifiuti di mezza
Sicilia scaricati a Lentini!

Ieri mattina i ventuno sindaci della provincia di Siracusa si sono riuniti in assemblea

No ai rifiuti di mezza  Sicilia scaricati a Lentini!

Un solo grido. Un solo avvertimento. No! No al territorio trasformato in pattumiera. No ai rifiuti di mezza Sicilia scaricati a Lentini. L’hanno pronunciato ieri mattina i ventuno sindaci della provincia di Siracusa riunitisi in assemblea, nell’affollata aula consiliare di via Galliano, per esprimere tutta la loro ferma contrarietà nei confronti del cervellotico provvedimento con il quale il 7 giugno scorso il presidente della Regione Rosario Crocetta ha di fatto autorizzato 106 comuni isolani a conferire i propri rifiuti nella discarica della Sicula Trasporti di contrada Grotte San Giorgio, in territorio di Lentini, una delle tre al momento in funzione in Sicilia.

Impianto davanti ai cancelli del quale da giorni si formano chilometriche code di autocompattatori provenienti da ogni parte dell’isola. Centinaia e centinaia di camion in attesa – un’attesa spesso anche vana – di potere svuotare i propri cassoni e ritornare alle località di provenienza per riempirli nuovamente e nuovamente riprendere il viaggio alla volta di Lentini. Un impianto praticamente al collasso, in evidente difficoltà nello smaltire le migliaia di tonnellate di spazzatura proveniente da mezza Sicilia.

La popolazione non ci sta e lancia l’allarme per il gravissimo rischio ambientale e le pesantissime ripercussioni sulla viabilità. Non ci stanno, ovviamente, neppure le istituzioni locali che ieri mattina, dall’aula consiliare di Lentini, sul cui territorio sorge appunto la discarica di Grotte San Giorgio, hanno lanciato la loro battaglia contro la Regione.

«Contro chi – ha detto in apertura il sindaco di Lentini Saverio Bosco – con un semplice colpo di penna ha deciso di scaricare tonnellate di rifiuti sul nostro territorio. Contro chi, nel chiuso di una stanza, senza confrontarsi con il territorio e con chi quel territorio lo rappresenta in prima linea, non ha fatto altro che assumere una decisione cervellotica. Sarà – ha detto ancora il nuovo sindaco di Lentini – la battaglia di un intero territorio che aspira ad avere una vocazione diversa».

Oggi primo appuntamento a Siracusa. I ventuno sindaci della provincia incontreranno il prefetto Armando Gradone. Poi tutti a Palermo. Con gli autocompattatori, se sarà necessario. Per mettere il presidente della Regione di fronte alle sue responsabilità. «Per dire a Crocetta – ha sottolineato il sindaco di Canicattini Bagni, Paolo Amenta – che ha sbagliato a pensare che tre sole discariche, quelle di Trapani, Bellolampo e Lentini, potessero bastare per smaltire i rifiuti di tutta l’isola. Che ha sbagliato a scaricare tutto sui comuni e sui cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi