palermo

Picchia moglie e figlia, arrestato

Un padre violento è finito in manette. Da un anno minacciava e picchiava la figlia perché non aveva accettato la gravidanza e poi la nascita del nipotino. Maltrattava anche la moglie.

polizia

La madre e la figlia residenti allo Zen a Palermo si sono rivolti ai poliziotti per fare arrestare il capofamiglia violento che da un anno minacciava e picchiava le donne perché non aveva accettato la gravidanza e poi la nascita del nipotino. "Tu e tuo figlio ve ne dovete andare di casa" ripeteva l'uomo. La vicenda è iniziata nel 2015 quando la ragazza madre aveva deciso di non abortire. Il padre non aveva accettato il nipotino nato da una relazione occasionale. Dopo più di un anno di maltrattamenti la madre e la figlia hanno denunciato l'uomo che è stato arrestato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi