Marsala

Il carabiniere ucciso sorprese i criminali

Il carabiniere ucciso sorprese i criminali

Dai primi approfondimenti investigativi seguiti all'omicidio, avvenuto il 31 maggio a Marsala, del maresciallo dei carabinieri Silvio Mirarchi (catanzarese), è emerso che il militare e un suo collega, notando la presenza di più persone che al buio si comportavano in maniera sospetta, si sono avvicinati e giunti a circa 60 metri da loro hanno acceso le torce e si sono qualificati come carabinieri. Da qui la repentina reazione che ha portato al ferimento di Mirarchi con un'arma da fuoco e poi alla morte del carabiniere. Secondo i dati raccolti, un gruppo di criminali stava portando via le piante di marijuana da alcune serre di contrada Ventrischi e, vistisi scoperti, non hanno esitato a reagire sparando.
Intanto, stamane alle 11 si terranno i funerali di Mirarchi nella Chiesa Madre intitolata San Tommaso di Canterbury, alla presenza del comandante generale dell'Arma dei carabinieri, il generale di corpo d'armata Tullio Del Sette.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi