al governo

Crocetta chiede stato
emergenza rifiuti per un anno

Il governatore rappresenta la grave situazione in merito al conferimento dei rifiuti a partire dal 1 giugno. Crocetta spiega che "sono in corso una serie di interventi per adeguare l'impiantistica regionale"

Crocetta chiede stato emergenza rifiuti per un anno

Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, comunica di aver inviato una nota alla presidenza del Consiglio, al ministero dell'Ambiente, all'autorità anticorruzione, nella quale rappresenta la grave situazione in merito al conferimento dei rifiuti a partire dal 1 giugno. Il governatore spiega che "sono in corso una serie di interventi per adeguare l'impiantistica regionale destinata al conferimento dei rifiuti, alle norme che regolano la materia". "In particolare - dice - sono in corso di completamento impianti di compostaggio, trattamento e valorizzazione mentre per altri impianti si stanno avviando le procedure. Ad oggi è stato possibile conferire in alcune discariche, sulla base di specifiche ordinanze della Regione in base all'articolo 191 del dlg 152/2006, ma dal 1 giugno non sarà più possibile utilizzare tali prerogative di legge. Ci si troverebbe di fronte a un paradosso - continua Crocetta - aver avviato una serie di interventi finalizzati alla messa in esercizio dell'impiantistica necessaria al conferimento e per i ritardi del passato non poterne usufruire, creando per metà del territorio siciliano una situazione insopportabile, una vera e propria emergenza sanitaria". Per questa ragione la giunta regionale ha deliberato ieri la richiesta di stato di emergenza per un periodo di 6-12 mesi "al fine di proseguire l'esercizio delle discariche esistenti nel territorio regionale sulla base di quanto già disposto con le ordinanze del presidente della Regione siciliana; potenziare la capacità, entro i limiti di legge, degli impianti di compostaggio in esercizio nel territorio della Regione siciliana; ridurre la tempistica per la realizzazione degli impianti, sopratutto quelli dedicati alla raccolta differenziata, previsti dal "Piano stralcio per l'attuazione degli interventi per l'implementazione impiantistica"; attivare ogni strumento utile per il conferimento dei rifiuti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi