Palermo

Mafia, condanne per 500 anni di carcere

giustizia

Il gup di Palermo Giuseppina Cipolla ha condannato, in abbreviato, complessivamente, a oltre 500 anni di carcere, gli imputati del processo «Apocalisse» che vede accusati di associazione mafiosa, estorsione, intestazione fittizia di beni e danneggiamento 97 tra boss, gregari ed estorsori delle cosche di San Lorenzo, Resuttana, Acquasanta, Partanna Mondello.
Davanti al tribunale, in ordinario, è in corso un’altra tranche del processo che nasce da due operazioni di polizia contro i clan palermitani: una del 2014 e la seconda del febbraio 2015. L’accusa era sostenuta in giudizio dai pm Amelia Luise, Roberto Tartaglia, Annamaria Picozzi, Francesco Del Bene. (a.a.9

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto