Accordo siglato

La Siremar a Caronte&Tourist
e Ustica Lines

Verranno garantiti i servizi di collegamento con le isole minori e i livelli occupazionali. Il presidente del settore navi sarà Antonino Repaci

La Siremar a Caronte&Tourist e Ustica Lines

L’accordo che era già pronto da mesi è stato formalizzato ieri sera. La Società di Navigazione Siciliana Spa – i cui soci sono, ciascuno al 50 per cento, la Caronte&Tourist e la Ustica Lines – ha ufficiliazzato l’acquisizione a titolo definitivo della Siremar. Un’operazione che andava avanti da tempo, che ha richiesto il superamento di una serie di difficoltà logistiche e operative, che ha affrontano anche una selva di ricorsi e azioni volte a far saltare l’intesa. Ma alla fine, i rappresentanti dei due gruppi si sono dichiarati soddisfatti anche perché si è riusciti a concretizzare l’accordo alla vigilia di una stagione importante per la marineria siciliana «Da oggi – affermano i vertici delle due compagnie – si apre una nuova pagina del trasporto marittimo in Sicilia. Dopo l’accordo sindacale raggiunto già nelle passate giornate, Sns concentrerà il proprio impegno, da subito, per rendere efficace l’intera flotta ex Siremar, per garantire il massimo dell’impegno e ottimizzare il servizio sulle tratte siciliane». Un ringraziamento a tutti gli attori di questo importante passaggio è stato espresso, subito dopo la firma di acquisizione, dall’ing. Vincenzo Franza, amministratore delegato della Caronte&Tourist e dal comandante Ettore Morace, che guida Ustica Lines. In questa fase Sns, scusandosi preventivamente di eventuali disagi che potranno riscontrarsi nelle prime settimane, comunica che, comunque, verranno garantiti i servizi precedentemente gestiti da Siremar e tutte le attività già poste in essere, sia per la flotta navale che per i mezzi veloci. Nelle prossime ore i dettagli dell’intera operazione verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa.

Alcuni dati, però, sono già certi. Il mantenimento dei livelli occupazionali: come sottolinea l’ing. Franza, nessuno dei 380 dipendenti ex Siremar sarà licenziato e si cercherà di dare lavoro anche agli ex stagionali. I collegamenti con le Isole minori saranno potenziati. Le due società continueranno a mantere la propria organizzazione, lavorando però nella prospettiva di creare un’unica grande holding. Per questo, il settore navi sarà gestito da Caronte&Tourist, e la presidenza sarà affidata a Antonino Repaci, vicepresidente Vincenzo Franza, amministratore delegato Luigi Genghi. Il settore aliscafi, affidato a Ustica Lines, sarà presieduto da Ettore Morace.

«Il nostro vero obiettivo – spiega Franza –, concordato anche nell’interlocuzione con il Governo regionale, è assicurare collegamenti efficienti ma soprattutto “far sistema”, creare una rete che consenta ai viaggiatori di fruire di un “biglietto unico”, ad esempio il “Milano-Stromboli”, che comprenda dunque tutti gli spostamenti, nell’ottica di eliminare tempi d’attesa e lungaggini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi