Palermo

Pg avoca indagine
su due politici Ncd

L'inchiesta su Francesco Cascio e sul senatore Marcello Gualdani passa nelle mani del sostituto procuratore generale Patronaggio. Coinvolte altre cinque persone. L'ex presidente dell'Ars: mai saputo niente fino al momento della notifica dell'avviso di fissazione dell'udienza camerale

Confiscati beni per 600mila euro a Lo Verde

Il sostituto procuratore generale Luigi Patronaggio ha avocato l'inchiesta per voto di scambio avviata dalla Procura di Palermo a carico dell'ex presidente dell'Ars Francesco Cascio (Ncd), del senatore Marcello Gualdani (Ncd) e di altre cinque persone. La decisione del pg segue, come scrive il quotidiano 'La Repubblica', la decisione dei colleghi del primo grado di chiedere l'archiviazione dell'indagine. Secondo Patronaggio, sulla vicenda andrebbero fatti accertamenti più approfonditi. Tesi che il magistrato ribadirà domani all'udienza fissata dal gip. Nei mesi scorsi l'aggiunto Dino Petralia e i pm Alessandro Picchi e Sergio Barbiera avevano fatto richiesta di archiviazione. Il giudice delle indagini preliminari ritenne di non accoglierla e fissò l'udienza per la discussione, avvertendo, come prevede la legge, la Procura generale. Domani, dunque, sarà il pg, che ha deciso di avocare a sè gli atti, a comparire davanti al gip per revocare la richiesta di archiviazione. L'inchiesta nasce da alcune intercettazioni effettuate in un'indagine sullo spaccio di droga che coinvolse alcuni "attacchini" che, nelle elezioni regionali del 2012, avevano lavorato anche per Cascio. Nelle conversazioni si parlava di derrate alimentari fatte avere a una onlus che avrebbe dovuto distribuirle a cittadini in cambio di voti. 

"Fino al momento della notifica dell'avviso di fissazione dell'udienza camerale, per la decisione relativa alla richiesta avanzata dalla Procura di Palermo circa l'archiviazione di un procedimento nel quale sarei stato indagato per presunto voto di scambio, relativamente alle elezioni regionali svoltesi nel 2012, non ho mai avuto notizia di indagini svolte sul mio conto, né mai mi è stato richiesto di rendere dichiarazioni in merito a tali presunti episodi". Lo dice il coordinatore regionale di Ncd, Francesco Cascio a proposito dell'inchiesta per voto di scambio in cui è coinvolto.
''Se già la Procura - aggiunge - al termine delle indagini, aveva riconosciuto la mia assoluta estraneità a qualsiasi ipotesi di reato, la richiesta di avocazione delle indagini da parte della Procura Generale non mi turba e anzi farò immediata richiesta per essere sentito in merito a quanto mi viene contestato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi