Inchiesta Anas

Sotto la lente
un appalto in Sicilia

Il Forzista Marco Martinelli avrebbe garantito ad un imprenditore la nomina di un presidente di gara "non ostile"

A/3 Salerno Reggio Calabria

Marco Martinelli, deputato di Fi indagato nella seconda tranche dell'indagine sugli appalti dell'Anas, avrebbe garantito ad un imprenditore la nomina di un presidente di gara "non ostile" per un appalto in Sicilia. E' l'accusa che la GdF rivolge al deputato sottolineando che grazie al suo intervento e in virtù del ruolo istituzionale ricoperto l'imprenditore si è poi aggiudicato l'appalto. Un ruolo di intermediazione viene contestato anche ad un avvocato romano oggi arrestato, il quale, sempre secondo l'accusa, avrebbe fatto da intermediario, per conto di un'azienda romana, nella corresponsione alla Dama Nera di una mazzetta da 10 mila euro in cambio della facilitazione nell'erogazione di pagamenti e nello sblocco di contenziosi tra l'impresa e l'Anas. (AA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi