Messina Tirrenica

Albero centra auto, due feriti

Tragedia sfiorata a Brolo sulla “113”. Operai, di Piraino, hanno riportato lesioni e un forte stato di choc

Albero centra auto, due feriti

Tragedia sfiorata ieri mattina a Brolo. Intorno alle 9,30, sulla Statale “113”, sul rettilineo che immette nel centro abitato lato est, in prossimità del bivio che conduce ai caselli autostradali, a seguito del forte vento di scirocco che sferzava sul territorio ad oltre 40 km/h (20 nodi), un grosso albero di cipresso alto circa 10 metri e dalla grossa circonferenza posto sul ciglio della strada si è letteralmente staccato dal manto stradale abbattendosi sulla carreggiata. L’albero ha centrato un furgone Peugeot “Ranch” che, in quel preciso momento, si trovava in transito con a bordo 2 giovani operai, M.M. e C.A., entrambi domiciliati a Piraino.

Gli occupanti dell’autoveicolo sono miracolosamente rimasti illesi, riuscendo non senza difficoltà ad uscire in maniera autonoma dall’abitacolo del mezzo di lavoro totalmente devastato. Entrambi gli artigiani hanno riportato uno stato di shock.

Soccorsi da alcuni volontari del luogo sono stati accompagnati alla vicina guardia medica di via Kennedy per essere sottoposti a visita: hanno riportato qualche escoriazione e lievi lesioni tanto da essere giudicati guaribili in 7 giorni. Danni per migliaia di euro li riportava il mezzo che, di fatto, è ormai ridotto a un rottame. Altri danni sono stati riportati anche dall’autovettura Hyundai “Atos” di proprietà di un residente del posto. L’utilitaria si trovava posteggiata proprio a ridosso dell’albero che è precipitato sulla Statale. Bloccato il transito sull’importante arteria dalle 9,30 alle 13,30, gli autoveicoli sono stati dirottati sulla via Tomaso di Lampedusa, sulla via Jacopo Ortis e sulla bretella che conduce ai caselli dell’A20. A dare l’allarme al “112” è stato Roberto Casella che si trovava in prossimità della zona.

Scattati i soccorsi, sul posto sono intervenuti i carabinieri di Brolo, al comando del luogotenente Tindaro Chiofalo, che hanno provveduto a regolare il traffico. Presente anche una “Volante” della Polizia di Stato.

Lavoro encomiabile è stato quello prestato dai volontari del gruppo comunale della Protezione Civile che si sono prodigati, in tempo record, ad effettuare il taglio del grosso tronco e alla sua completa eliminazione, dando la possibilità di ripristinare il traffico veicolare alla sua normale fluidità. Divelto anche un palo della pubblica illuminazione nella zona del cimitero ad un centinaio di metri dall’incidente. Danni subìti anche nelle campagne per lo sradicamento di piccoli alberi, la distruzione degli ortaggi e delle primizie di stagione, parzialmente scoperchiate alcune abitazioni, cartelli pubblicitari, contenitori leggeri e altro materiale volato da qualche terrazza o dai balconi delle abitazioni.

A S. Agata Militello il forte scirocco ha causato problemi anche sulla litoranea tra Sant’Agata Militello e Torrenova. Nel primo pomeriggio un grosso albero si è spezzato ed è crollato sulla strada in contrada San Bartolomeo. Fortunatamente al momento del crollo non transitava nessuno. Un altro albero sradicato in località Iria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi