cosa nostra nel siracusano

Clan Nardo, sequestrati beni per 7 mln

Il destinatario del sequestro eseguito dalla Dia di Catania è l'imprenditore Fabio Manservigi, 44 anni, ritenuto contiguo all'organizzazione mafiosa Nardo, egemone nella provincia di Siracusa

Dia sequestra beni per 7 mln a esponente clan Nardo

Personale della Direzione investigativa antimafia di Catania sta eseguendo un decreto di sequestro beni emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Siracusa su proposta avanzata dalla Procura distrettuale antimafia etnea, nei confronti di soggetto ritenuto contiguo all'organizzazione mafiosa 'Nardo' egemone nella provincia di Siracusa. Il Tribunale ha disposto il sequestro dei beni per un valore di circa 7 milioni di euro, consistenti in cinque società operanti nel settore della progettazione, costruzione e montaggio di carpenteria metallica e della produzione di energia elettrica da fonte solare e una società attiva nel settore delle corse dei cavalli, nonché una lussuosa villa, terreni e rapporti finanziari. I dettagli dell'operazione saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso la Procura di Catania alle 11, alla presenza del procuratore capo Michelangelo Patanè. 

Il destinatario del sequestro eseguito dalla Dia di Catania è l'imprenditore Fabio Manservigi, 44 anni, ritenuto contiguo all'organizzazione mafiosa Nardo, egemone nella provincia di Siracusa. Il suo ruolo è stato delineato anche dal 'pentito' Fabrizio Blandino ed era emerso in due inchieste antimafia: 'Morsa2', dei carabinieri di Siracusa, dalla quale è derivata l'ulteriore indagine 'Nostradamus' che ha contribuito allo scioglimento del Comune di Augusta. Secondo l'accusa, Manservigi sarebbe stato legato a Blandino, ex consigliere del Comune di Augusta, affiliato alla cosca mafiosa dei Nardo nonché referente del clan nel territorio megarese, tanto, lo accusa il 'pentito', di "aver immediatamente acconsentito alla proposta di contribuire al sostentamento di Alfio Sambasile, esponente di primo piano del clan Nardo nel territorio di Lentini". Con quest'ultimo, ricorda la Dia di Catania, infatti, era stato tratto in arresto nel 1998, insieme ad altri, nell'ambito dell'indagine "Thos" condotta dalla Squadra Mobile di Siracusa, per i reati di associazione mafiosa ed estorsione. Anche altri tre collaboratori di giustizia - Sebastiano Sampugnaro, Vincenzo Piazza e Sebastiano Gigliuto - collegano la sua vicinanza al clan alla sua ascesa economica: da dipendente di un'impresa di raccolta di rifiuti solidi urbani a imprenditore nel settore edile, aggiudicatario di commesse, e nel settore delle energie rinnovabili, specie del fotovoltaico. Proprio nel settore delle energie alternative ad Augusta l'indagato si sarebbe inserito a pieno titolo con la costituzione, nel novembre del 2009, della società FaMec. Il Tribunale di Siracusa, accogliendo la proposta della Dda della Procura di Catania, ha disposto il sequestro dei beni dell'imprenditore per un valore complessivamente stimato in circa 7.000.000 di euro, comprese cinque aziende, una lussuosa villa, terreni e rapporti finanziari. Il provvedimento è stato eseguito dalla Dia di Catania, diretta da Renato Panvino. (ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi