roma

Ardizzone " L'autonomia
non è negoziabile"

Il presidente dell'ARS: "L'autonomia, quale uno dei principi fondamentali della Costituzione, non è, negoziabile e la specialità rappresenta un'applicazione avanzata di quelle motivazioni, secondo standard europei"

Ardizzone " L'autonomia non è negoziabile"

Le autonomie territoriali e locali e la potestà legislativa regionale sono elementi costitutivi delle politiche nazionali ed europee. L'autonomia, quale uno dei principi fondamentali della Costituzione, non è, negoziabile e la specialità rappresenta un'applicazione avanzata di quelle motivazioni, secondo standard europei. Lo stesso superamento del bicameralismo paritario e perfetto, emerso in Italia da tempo nelle diverse sedi istituzionali, costituisce uno degli elementi di convergenza e di continuità nella valorizzazione delle autonomie territoriali". Lo ha affermato il presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, parlando alla Camera dei deputati all'incontro su "Il futuro delle regioni a statuto speciale alla luce della riforma costituzionale.

Al seminario, organizzato dalla Commissione bicamerale per le questioni regionali, presieduta da Gianpiero D'Alia, sono intervenuti anche il direttore dell'Issirfa, l'Istituto di studi sui sistemi regionali federali e sulle autonomie, Stelio Mangiameli; il presidente della Corte dei Conti, Raffaele Squitieri; il presidente emerito della Corte costituzionale, Gaetano Silvestri e il sottosegretario per gli Affari regionali e le autonomie, Gianclaudio Bressa, oltre ai presidenti delle Regioni a statuto speciale e delle Assemblee regionali e dei Consigli delle Province autonome. "Il ruolo attivo delle Regioni - ha continuato Ardizzone - è confermato dalla composizione del nuovo Senato, i cui componenti saranno rappresentativi delle istituzioni territoriali. E tra le altre funzioni attribuite al Senato assume particolare importanza quella di raccordo tra lo Stato, gli altri enti costitutivi della Repubblica e l'Unione europea. Atteso che per le Regioni a statuto speciale è stata introdotta una forma di salvaguardia, adesso spetta a noi avviare un percorso condiviso di revisione delle nostre 'carte' di autonomia". "La revisione dello statuto - ha proseguito Ardizzone - potrebbe essere l'occasione per procedere a un suo aggiornamento, introducendo, tra l'altro, l'ente città metropolitana. E' una sfida che il Parlamento siciliano non mancherà di cogliere, dando avvio al processo di riforma delineato dal costituente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi