Ragusa

Troppi morti in Chirurgia, l’Asp difende i medici

Quattordici decessi in sei mesi all’ospedale di Ragusa. Il direttore generale: «Interventi complessi su 429 pazienti, il dato rispecchia le statistiche europee»

Troppi morti in Chirurgia, l’Asp difende i medici

«Non esiste nessun caso chirurgia al “Civile” e il dato dei decessi è del tutto in linea con gli standard europei».

Il manager dell’Asp 7, Maurizio Aricò, ha inteso evidenziare con forza quanto aveva già dichiarato alcuni giorni fa, quando fu resa nota l’esistenza dell’inchiesta avviata dalla procura di Ragusa sulle morti di 14 pazienti in sei mesi nel reparto di chirurgia del “Civile”, anche se l’interesse della magistratura è limitato solo a sei casi.

Presenti ieri nella sede dell’azienda ospedaliera di piazza Igea, oltre ad Aricò, pure il direttore sanitario Giuseppe Drago e il direttore amministrativo Elvira Amata. Il manager ha spiegato che «non c’è assolutamente niente da nascondere, come peraltro comprovato dalla totale collaborazione con gli inquirenti. Il mio pensiero – ha proseguito Aricò – va soprattutto a quelle persone che dovranno andare in sala operatoria nei prossimi giorni: a loro in particolare mi rivolgo rassicurandoli sul dato di fatto che non hanno proprio nulla da temere».

La direzione aziendale dell’Asp ha rivalutato i dati, disponibili sui flussi informativi regionali e relativi all’attività nel 2015, in cui la struttura è andata incontro ad una riorganizzazione profonda. «Nel periodo da maggio 2015 fino a dicembre dello stesso anno – dice il manager – nel reparto di chirurgia di Ragusa sono stati operati 429 pazienti. Si è trattato di interventi di complessità elevata e proprio in tale periodo sono deceduti 14 pazienti (pari ad una media di appena il 3,2%). Come confronto, nell’intero anno 2014, sono stati operati 439 pazienti, con un indice di complessità inferiore ed un numero totale di decessi di 20 (pari a 4,5%). Il dato di conseguenza è addirittura in calo. La chirurgia di Ragusa – ha aggiunto Aricò – ha quindi aumentato notevolmente, a seguito della riorganizzazione eseguita, il volume di attività chirurgica, avendo completato in otto mesi un numero di interventi comparabile a quanto in precedenza si era fatto nel 2014, ma con un numero inferiore di decessi. Sono stati inoltre eseguiti interventi più complessi, in prevalenza in pazienti oncologici, che in precedenza si rivolgevano a strutture al di fuori del territorio ibleo o della Sicilia».

Statistiche internazionali documentano che il rischio di mortalità per pazienti chirurgici è stimato in almeno il 4,5%, qualunque sia la causa e la modalità dell’intervento, mentre per gli interventi d’urgenza, come molti di quelli evidenziati da Aricò, il rischio sale addirittura oltre il 7%, a prescindere da fattori di rischio addizionali.

Il manager ha tenuto inoltre a precisare che i decessi si sono verificati non sotto i ferri, ma a distanza di tempo dalle operazioni chirurgiche (giorni o addirittura settimane). L’allarme che si era creato attorno a questi 14 decessi in sei mesi era stato parecchio, soprattutto perché non erano ben chiari dati e statistiche ora rese note dal manager Asp.

Sui sei casi all’attenzione della procura saranno invece le indagini a stabilire eventuali responsabilità. Aricò ha infine fornito informazioni sul concorso per la copertura del posto di direttore del reparto di chirurgia del Civile e novità in tal senso arriveranno entro qualche settimana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto