erice

Ronde notturne dei residenti
contro i furti

La stazione dei Carabinieri è in funzione soltanto negli orari di ufficio, la notte, contrariamente al passato, non c'è alcun militare. Così gli abitanti di Erice sono corsi ai ripari. E hanno organizzato le ronde in città.

carabinieri

I duecento residenti di Erice vetta, per far fronte allo stillicidio di furti, hanno organizzato, a turno, ronde notturne per le strade della cittadina medievale. Le ronde mantengono un contatto costante con chi rimane a casa (con i cellulari accesi) attraverso un gruppo creato su whatsapp. Ad innalzare ulteriormente l'allarme tra gli abitanti è stato il furto messo a segno la scorsa settimana all'ufficio postale della via Guarnotta: i ladri, indisturbati, sono entrati di notte all'interno dei locali riuscendo a portare via la cassaforte. L'ingombrante contenitore metallico, però, l'hanno perso per strada, probabilmente perché non hanno chiuso bene la portiera posteriore del furgoncino utilizzato per la fuga. La decisione di organizzare le ronde è maturata in quanto l'unico presidio dello Stato - la stazione dei carabinieri - è in funzione soltanto negli orari di ufficio e la notte, contrariamente al passato, non c'è nessun militare. In caso di chiamata di emergenza, carabinieri e polizia impiegherebbero almeno dieci minuti da Trapani o da Valderice per raggiungere il centro abitato ericino. (

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi