Mafia

Brusca libero? Il Dap smentisce

Non sarebbe stato notificato alcun ordine di scarcerazione dell'ex boss di San Giuseppe Iato

Brusca libero? Il Dap smentisce

Da fonti del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria si apprende che nel carcere di Rebibbia, dove è detenuto l'ex capomafia, poi diventato collaboratore di giustizia, Giovanni Brusca, non sarebbe stato notificato alcun ordine di scarcerazione dell'ex boss di San Giuseppe Iato, accusato di decine di omicidi tra cui quello del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino. La precisazione segue la pubblicazione, su un sito siciliano, della notizia del ritorno in libertà dell'ex padrino di Cosa Nostra che, più di una volta, ha goduto dei permessi concessi dalla legge ai collaboratori di giustizia. 

Commenti all'articolo

  • chelligiovanna

    09 Gennaio 2016 - 04:04

    Brusca Giovanni è un collaboratore di giustizia a tutti gli effetti, anche se molto probabilmente sa più di quello che dice. Detto questo se ha diritto a permessi non si capisce "lo scandalo" . Uno scandalo invece è che il come mai in prigione non ci sia Matteo Messina Denaro e loti altri colletti bianchi non siano ancora stati processati per le stragi del 1993.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi