Gela

Tassista ucciso davanti alla folla

La vittima è un tassista gelese, Domenico Sequino, di 56 anni, con precedenti penali. A ucciderlo sono stati due giovani, travisati con caschi integrali, giunti in sella a un ciclomotore.

carabinieri

Un agguato mortale, a colpi di pistola, è stato compiuto questa sera, poco dopo le 20, a Gela, sul sagrato della chiesa madre, di fronte alla centralissima piazza Umberto e il corso Vittorio Emanuele, affollati di gente che passeggiava o faceva gli acquisti di Natale. La vittima è un tassista gelese, Domenico Sequino, di 56 anni, con precedenti penali. A ucciderlo sono stati due giovani, travisati con caschi integrali, giunti in sella a un ciclomotore.

Contro Sequino sono stati sparati numerosi colpi di pistola (pare, un intero caricatore), andati quasi tutti a segno. Soccorso da un'ambulanza del 118 e trasferito d'urgenza in ospedale, il tassista è deceduto pochi minuti dopo. Sul luogo del delitto sono intervenuti polizia e carabinieri. Seguino era stato condannato nel 2008 par associazione mafiosa. Al momento dell'agguato, alle 20, stava parlando con un amico sul sagrato della chiesa. Dopo gli spari la gente è fuggita da ogni parte, cercando riparo anche nei negozi ancora aperti. Sull'omicidio indagano i carabinieri di Gela. (a.a.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi