Zafferia

Scempio Sanderson
emerge olio dal terreno

Il 14 agosto si è ripresentato il preoccupante fenomeno con gocciolamento nel torrente Zafferia. Gli allarmi non raccolti lanciati dall’Esa nei mesi scorsi. L’Ufficio del commissario per l’emergenza dispone finalmente la bonifica dell’area (un milione di euro).

Scempio Sanderson 
emerge olio dal terreno

Il fenomeno si presenta con spaventosa e preoccupante puntualità. All’interno del complesso industriale ex Sanderson, all’inizio della stagione delle piogge, il canale di sgrondo delle acque meteoriche (a pochi metri dal torrente Zafferia) si riempie di olio combustibile. Liquido che riemerge dal terreno, dove in precedenza si è infiltrato dopo essere fuoriuscito dalle vasche che si trovano molto più a monte. Un fenomeno segnalato più volte dall’Esa, che ha chiesto interventi immediati, e conosciuto da tempo dai tecnici dell’Ufficio del commissario delegato per le emergenza bonifiche e la tutela delle acque in Sicilia. Ma che evidentemente non è mai stato risolto, e qui sorgono i tanti – forse troppi - interrogativi.
Interrogativi legati ad un’area che in questi anni ha rappresentato il simbolo delle incognite messinesi, dei silenzi politici, del menefreghismo amministrativo, un crogiolo delle ignominie. In spregio ai tanti cittadini che abitano nelle vicinanze dell’area e che da decenni chiedono risposte confortanti per vivere tranquillamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400