SEMINARA

Funerali "blindati" per Gioffrè

Funerali "blindati" per Gioffrè

Sono stati celebrati all’alba di ieri, in forma strettamente privata, i funerali di Giuseppe Fabio Gioffrè, il 39enne ucciso sabato scorso a Seminara. Due giorni fa, infatti, il questore di Reggio Calabria aveva emesso provvedimento di divieto di funerali in forma pubblica per scongiurare che la celebrazione delle esequie potesse «rappresentare – fanno sapere fonti investigative – occasione per la commissione di azioni di rappresaglia o comunque iniziative illegali a tutela e garanzia dell'ordine e della sicurezza pubblica».

La decisione sarebbe stata presa nel corso della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, tenutosi mercoledì in prefettura a Reggio Calabria. In quella sede, i vertici delle forze di polizia e della magistratura hanno fatto un punto sulle indagini che riguardano l’agguato nel quale è rimasto ucciso Gioffrè e ferito un bambino di 10 anni. Indagini che stanno conducendo i carabinieri del Gruppo Gioia Tauro coordinati dalla Procura antimafia di Reggio Calabria. Poche le informazioni trapelate nei giorni successivi all’omicidio. I dati certi sono il numero dei killer, due, e i quattro colpi di fucile caricato a pallettoni che hanno ucciso il pregiudicato seminarese raggiungendolo alla testa.

I due assassini, secondo quanto appreso subito dopo l’agguato, avrebbero agito a piedi sfruttando il fatto che il terreno dove è stato ammazzato Gioffrè era molto lontano dal centro abitato fuggendo poi attraverso i campi.

Notizie positive giungono, infine, dal Grande ospedale metropolitano di Reggio dove è ricoverato il bambino ferito. Il piccolo, però, non avrebbe fornito agli inquirenti elementi utili alle indagini non avendo visto le fattezze dei due killer.(f.a.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi