Villa San Giovanni

No del Viminale allo scioglimento del consiglio

Le ingerenze della criminalità organizzata non hanno condizionato l'azione amministrativa del Comune.

Accorinti convocato  d’urgenza al Viminale

Il consiglio comunale di Villa San Giovanni non sarà sciolto per infiltrazioni della 'ndrangheta. Lo ha deciso il ministero dall'Interno con un decreto emesso il primo giugno. Secondo il Viminale gli elementi raccolti non sono sufficienti ad azzerare gli organi e a nominare una commissione straordinaria.

Si tratta di una decisione in controtendenza rispetto alle ultime decisioni del governo sullo scioglimento per mafia degli enti locali in Calabria. Secondo il Viminale le ingerenze della criminalità organizzata non hanno condizionato l'azione amministrativa del comune

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi