Varapodio

La memoria lunga della ’ndrangheta

Il delitto di Varapodio prende quota l’ipotesi che bruno muratore sia stato ucciso per una vendetta covata per oltre 20 anni. L’inchiesta in procinto di passare dalla Procura di Palmi alla Dda di Reggio

La memoria lunga della ’ndrangheta

Una scarica di fucile calibro 12 caricato a pallettoni che non gli ha dato scampo per regolare, verosimilmente, un conto in sospeso da oltre vent’anni. La ’ndrangheta che non perdona, che non fa sconti, che chiude le partite a modo suo, col sangue, ha confermato anche di avere la memoria lunga. Resta, infatti, quella di una vendetta consumata fredda, freddissima, la pista privilegiata – anche se non l’unica – che i carabinieri stanno seguendo per venire a capo del rebus dell’uccisione del pastore Bruno Muratore di 66 anni, avvenuta sabato scorso in un uliveto di Varapodio dove si era recato per prendersi cura del suo gregge di pecore. L’uomo era tornato in libertà dopo avere scontato una condanna definitiva a 24 anni (18 dei quali passati in carcere) per l’omicidio nel 1996 di Giuseppe Madafferi, considerato dagli inquirenti pezzo grosso della cosca Zumbo di Oppido Mamertina. Alla luce della possibile matrice del delitto dalla Procura di Palmi sta per passare alla Dda di Reggio Calabria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi