Locri

Pronto soccorso in ebollizione «Ordini disattesi, nessun aiuto»

Inizio d'anno tra lunghe code di pazienti e medici quasi in rivolta. «È una vergogna, ci chiedono di garantire i Lea ma dove sono i colleghi degli altri reparti che dovrebbero darci una mano?»

Pronto soccorso in ebollizione «Ordini disattesi, nessun aiuto»

Nuovo anno e vecchie emergenze all’ospedale di Locri, ovviamente a causa della carenza di personale medico. A soffrire maggiormente della insostenibile situazione sono i reparti dell’emergenza-urgenza e soprattutto il Pronto Soccorso e la Radiologia.

Il caso Pronto Soccorso è quello più clamoroso, e davvero se questo primo avamposto per la tutela della salute dei cittadini non è stato ancora “chiuso” lo si deve soprattutto allo spirito di abnegazione e serietà dei pochi medici rimasti (4 o 5 sui 20 previsti dalla legge in pianta organica), che, sono costretti a effettuare turni stressanti (di 12 ore e a volte anche di più ), che limitano fortemente le loro potenzialità e capacità professionali.

Ecco quindi che gli ultimi due giorni del 2017 e il primo del 2018 hanno trovato un Pronto Soccorso con un solo medico in servizio, e una moltitudine di pazienti costretta a fronteggiare una sofferente attesa prima di poter essere sottoposta a visita.

L'articolo completo nell'edizione in edicola della Gazzetta del Sud.

Clicca qui per acquistare la tua copia digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi