trasporti

Da Villa a Roma in 4 ore, chiesti più treni

La Calabria chiede anche il sostegno della Sicilia

Da Villa a Roma in 4 ore, chiesti più treni

L’Ufficio di Presidenza della Conferenza permanente interregionale per il coordinamento delle politiche nell’Area dello Stretto, presieduto dal consigliere regionale Domenico Battaglia, ha approvato all’unanimità una importante deliberazione concernente la “Velocizzazione e il potenziamento dei servizi ferroviari di elevate prestazioni Stretto/Capitale - Tempo zero e costo zero”.

Domenico Battaglia ha ringraziato «tutti i componenti dell’Ufficio di Presidenza Giovanni Ardizzone, Giuseppe Neri, Bernadette Grasso e Maurizio Priolo per la collaborazione e il proficuo lavoro svolto in questi mesi» e ha espresso soddisfazione per i provvedimenti assunti «orientati a realizzare un autentico e reale raccordo interistituzionale fra le Regioni Calabria e Sicilia nel quadro dell’ambizioso obiettivo di conurbazione dell’Area Metropolitana dello Stretto mediante concordate politiche di sviluppo, valorizzazione e integrazione dei territori».

«Con questo importante provvedimento – spiega Domenico Battaglia – viene chiesto alla Regione Sicilia di valutare e attuare i contenuti della Delibera della Giunta regionale della Calabria, n. 222 del 29 maggio 2017, con cui si chiede ai Ministeri e alle aziende ferroviarie interessate, di potenziare il sistema ferroviario con l’introduzione di una seconda coppia di servizi di treni Frecciargento nelle due direzioni Stretto-Roma e Roma-Stretto e l’integrazione dei servizi marittimi di collegamento Calabria-Sicilia. Tale misura non prevede alcun intervento sulla rete infrastrutturale esistente e potrà essere attivata a tempo zero e a costo zero».

«La delibera – conclude Battaglia – impegna la Giunta regionale della Sicilia a sviluppare e mettere in campo, di concerto con la Regione Calabria, tutte le azioni possibili per superare le criticità e i disservizi nei trasporti, qualificando e potenziando l’attuale offerta ferroviaria al fine di garantire agli utenti calabresi e siciliani condizioni di viaggio migliori in termini di frequenza, sicurezza, puntualità, collegamenti e comfort».

Commenti all'articolo

  • prenesfo

    23 Agosto 2017 - 06:06

    Finalmente si comincia a ragionare in materia di ferrovie, restando ancorati saldamente al suolo. Occorre anche finirla con gli aeroporti inutili tipo Crotone e potenziare al massimo Lamezia, garantendo, solo per motivi di prestigio, Reggio.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi