locri

Mandamento Jonico, scarcerato Giovanni Sergi

Mandamento Jonico, scarcerato Giovanni Sergi

Prime decisioni del Tribunale del riesame dopo l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Reggio Calabria su richiesta della Procura distrettuale antimafia reggina nell’ambito del procedimento denominato “Mandamento Jonico”. Regge l’impianto accusatorio rappresentato dai pubblici ministeri della Dda reggina, peraltro presenti anche all’udienza del riesame.

Intanto ieri si sono registrati due annullamenti con relativa scarcerazione che hanno riguardato Francesco Panuzzo, difeso dall’avv. Piermassimo Marrapodi, e Giovanni Sergi, assistito dall’avv. Giovanni Taddei. Quest’ultimo è il difensore di Vincenzo Sergi, per il quale i magistrati hanno annullato per un solo capo di imputazione relativo ad un’ipotesi di illecita concorrenza sleale in concorso.

Il 65enne Panuzzo è indagato con l’accusa di far parte della “Locale di Bovalino” insieme ad altri soggetti. Nel suo interesse l’avvocato Marrapodi ha depositato una copiosa indagine difensiva comprensiva di documentazione proveniente, fra l’altro, dal comune di Bovalino, dove l’indagato risiede.

Ha colto pienamente nel segno la discussione dell’avvocato Taddei per il 52enne Giovanni Sergi di Careri, che all’esito della camera di consiglio è stato rimesso in libertà.

In precedenza è stato scarcerato Giuseppe Marvelli, difeso dagli avvocati Speziale e Milasi.

Fissate per il 16 e il 23 agosto altre udienze per il riesame relativo ad altri indagati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi